POLITICA

CAPACCIO PAESTUM,PIA ADINOLFI DA PILASTRO DI VOZA A SPALLA DI PALUMBO,LEZIONE DI TRASFORMISMO

Pia Adinolfi si era candidata con il sindaco uscente Italo Voza al fianco del quale ha fatto una campagna elettorale piena di contenuti,elegante e ricca di proposte.la bontà intellettuale della Adinolfi è nota a tutti e rappresenta un marchio di fabbrica.Ultimamente però l’opinione pubblica si chiede come mai si fa fotografare al fianco del sindaco attuale,per quale motivo si siede al fianco di Palumbo nei convegni politici e perchè non fa nessun atto in opposizione al primo cittadino.Su quest’ultima presa d’atto i satirici locali sostengono perchè forse va tutto bene.Il solo appoggio comune al candidato al collegio uninominale Mimmo Volpe del Pd non giustifica un’azione tanto univoca all’attuale capo dell’amministrazione e quindi la gente si chiede tante cose e si pone tante domande.Le male lingue sono in agguato e affermano di un eventuale interesse per una istituenda farmacia comunale promessa all’area da Franco Palumbo alla quale la dottoressa Pia Adinolfi potrebbe essere interessata ma questo potrebbe essere solo un pettegolezzo,o si potrebbe trattare di un ufficializzazione al Pd al quale Pia Adinolfi si rivede  politicamente ora partito di riferimento di Palumbo.Le ipotesi sono varie e non sfuggono all’attenzione dell’opinione pubblica capaccese notoriamente molto attenta agli aspetti politici.Pia Adinolfi  dovrebbe dire pubblicamente le motivazioni di tale atteggiamento apparentemente considerato un trasformismo politico fatto con una sottile manovra politica,siamo pronti ad ascoltare le ragioni di tutto questo anche perchè lei è una grande professionista,una persona perbene eletta con tantissimi e meritati voti e non può essere messa a livello di trasformisti politcanti  .Sergio Vessicchio

sergio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.