POLITICA

RISCHIO CONTESTAZIONI PER CIRIELLI NEL CILENTO,FRATELLI D’ITALIA LASCIA IL COLLEGIO

adamo coppola
Alfieri e Cirielli,in alto Cirielli quando era presidente della provincia

E’ un en plein quasi sicuro quello del centrodestra in provincia di Salerno ma questo è messo in discussione da due fattori.Il primo è relativo alla candidatura di Alfieri che vincerebbe sicuramente se venisse candidato dal Pd  al senato o alla camera  e trascinerebbe anche qualche posizione nel listino e l’avversione a Cirielli per la nota questione relativa all’ospedale di Agropoli e alla strada cilentana. Questo i vertici del centrodestra lo sanno e lo sa anche Cirielli per molti motivi.Non a caso nei giorni scorsi lo stesso Cirielli ha diffuso alla stampa una interrogazione fatta al ministro Minniti sugli eventuali rapporti tra i delinquenti,gente di malaffare e  Alfieri   cosa peraltro mai provata da processi,dibattimenti e via dicendo ma soltanto paventata per diatribe politiche.E ogni volta Cirielli se ne viene con questa vicenda ormai stucchevole per distrarre l’attenzione ben sapendo che la verità è molto diversa.Invece sui social,tra le strade,nelle riunioni sale alta la protesta contro Cirielli al quale a ragione o a torto si imputa di aver ispirato la chiusura dell’ospedale fatta da un suo amico Squillante e da Caldoro attraverso le loro posizioni amministrative dell’epoca.Secondo le dicerie Cirielli l’avrebbe fatta pagare ad Alfieri per il fatto che quando fu eletto alla provincia come presidente nel collegio di Agropoli e Cilento dove era candidato Alfieri lui prese solo il 38% e il resto andò quasi tutto ad Alfieri e questo non lo digerì e secondo molti la chiusura dell’ospedale ebbe questo peccato originale.Secondo molti la dovevano pagare i cittadini di Agropoli.Vero o falso lo sanno loro sta di fatto che questo messaggio sta passando molto ma non solo.A non volere Cirielli nel Cilento sarebbe anche Forza Italia e Noi Salvini perchè un collegio vinto potrebbe trasformarsi in una debacle.Non a caso Forza Italia lamenta che la candidatura alla provincia dell’epoca venne minata proprio da una candidatura di rottura di AN all’epoca rappresentata dagli attuali vertici del partito della  Meloni e Noi Salvini aveva i rappresentanti nel comitato di difesa dell’ospedale.Cirielli e Fratelli d’Italia che nel Cilento hanno il sindaco di Castellabate potrebbero fare presto dietro front ed optare per l’altro collegio salernitano.Sembra comunque che lo stesso Fratelli D’Italia partito dato in ascesa nei sondaggi stia prendendo posizione a livello nazionale sulla vicenda.Quindi il collegio del Cilento blindato dal centro destra se non si candida Alfieri potrebbe essere dato a Noi Salvini e a quel punto Basile sarebbe il candidato anche in prospettiva apertura dell’ospedale visto che era a capo del comitato di difesa dello stesso ospedale e quindi sventare la protesta anti centro destra per la chiusura della struttura o virare su Emilio Malandrino già candidato al senato con Forza Italia e segretario cittadino degli azzurri anche lui contrapposto a Cirielli sulla vicenda ospedale.Nel frattempo da molti gruppi cilentani e agropolesi di facebook si annunciano contestazioni se il candidato dovrebbe essere Cirielli o di Fratelli D’italia ma anche di Forza Italia se dovesse essere calato dall’alto.Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.