POLITICA

SALVINI A SORRENTO PER APRIRE LE BRACCIA AL SINDACO,ENTRA ANCHE IL PRIMO CITTADINO DI POSITANO

L’entusiasmo era a mille ma c’erano anche le sardine nonostante i gatti.A Sorrento il matrimonio tra la lega e i sindaci di Sorrento e Positano due vedette del turismo internazionale.Due icone dell’Italia.I due sindaci hanno accolto l’ex vicepremier e ministro Matteo Salvini atteso a Sorrento da una sala, al Circolo Forestieri, piena fino all’inverosimile per celebrare il passaggio dei due sindaci sul carro leghista: sono il primo cittadino sorrentino Giuseppe Cuomo (eletto con una civica, appena uscito da Forza Italia, già centrista) e il sindaco di un’altra perla costiera, Positano, Michele De Lucia (commerciante che aveva attraversato  vari partiti). I due amministratori siedono ai due fianchi del capo del Carroccio, cominciano loro celebrando “tutto quello che ha fatto Matteo al governo”, sicuri che “presto tornerà a guidare l’Italia e cominceremo a cambiare in Regione”.

SALVINI ATTACCA I VIOLENTI

“Michele e Giuseppe siete i benvenuti in questa famiglia”. Scorrono sul fondo i buu per l’interruzione di un cronista: visto che anche questa volta comizio e conferenza stampa sono convocati insieme. Sono evidentemente, per gli organizzatori, la stessa cosa. Anche se così non è. E salvini aggiunge:  “Ho simpatia per qualunque forma di partecipazione pacifica e democratica. Ho meno simpatia per quelli che sui social parlavano di sprangate sulla gengiva” “I libri – risponde – me li scelgo e me li compro da solo”.

L’ATTACCO A DE MAGISTRIS E ALLE TRE D DA MANDARE A CASA

E da Sorrento Salvini attacca anche de Magistris e parla del prossimo sindaco di Napoli:  “Una città come Napoli merita un sindaco ben diverso rispetto a quello attuale. Mi piacerebbe che il prossimo sindaco venisse indicato dalla Lega”.
Per Matteo Salvini “ci sono tre D da mandare a casa: De Luca, De Magistris, e Di Maio”.”La Campania muore di rifiuti e di ecoballe non smaltite- ha aggiunto Salvini- non vedo l’ora di mandare via De Luca”.