POLITICA

UN’AGROPOLESE NEL GOVERNO DI CAPACCIO PAESTUM,LA PICARIELLO COME APREA

Maria Rosaria Picariello,figlia di Mario noto e stimato  commerciante di Agropoli è entrata in giunta nel governo Alfieri a Capaccio Paestum.Una nomina attesa per il risultato notevolissimo ottenuto nella “LISTA ALFIERI”279 voti risultando la prima eletta davanti ad Emanuele Sica(223) e Giovanni Cirone(200) entrato al suo posto in consiglio comunale visto che per legge entrando in giunta si è dovuta dimettere.Alfieri le ha affidato un incarico molto delicato (Politiche Sociali e Scuola) in un comune dove sia le politiche sociali che la scuola sono stati trascurati dopo Voza ultimo sindaco a dare a queste branche un rilievo importante. Se la sua nomina è stata tutt’altro che una sorpesa per il numero di voti preso,era stata una sorpresa la sua candidatura e poi la messe di voti che ha preso.Una doppia sorpresa perchè Maria Rosaria non ha mai fatto politica attiva ad Agropoli se non in qualche circostanza e mai aveva avanzato pretese di candidature o di nomine.

 

 

Spunta dalla società civile e rappresenta sicuramente un esempio per chi mai ha fatto politica e si rende protagonista di un risultato così prestigioso.Bella,avvenente,disponibile,Alfieri le consegna un assessorato che deve far girare nel migliore dei modi.E’ un fatto positivo anche per Agropoli perchè quando poi si ottiene qualcosa d’importante al di la dei confini cittadini significa che in città si hanno persone capaci di sapersi far apprezzare.Proprio a Capaccio Paestum nella giunta precedente si era fatto apprezzare,Claudio Aprea al turismo aveva portato al comune dei templi un contributo notevole.L’unica differenza è che la Picariello è stata eletta e Apre fu nominato..SerVes

 

WWW.CANALECINQUETV.IT

WWW.CALCIOGOAL.IT

WWW.TUTTOJUVE.NET

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.