POLITICA

VERGOGNA,IL CONSIGLIO COMUNALE DI CAPACCIO PAESTUM E’ DIVENTATO UN’AULA DI TRIBUNALE,PROTESTE DELLA GENTE,CITTA’ ALLO SBANDO

Hanno snaturato un luogo istituzionale.Da questa mattina stiamo ricevendo telefonate di protesta e messaggi contro Palumbo sindaco di Capaccio Paestum per lo show di ieri in consiglio comunale.Per l’aggressione verbale  a Sabatella e ad altri consiglieri comunali e per il modo in cui sta abbandonando la città e si sta vestendo da pubblico ministero e da giudice.Mentre nelle frazioni regna il disordine e il degrado il sindaco di Capaccio Paestum perde tempo ad accusare l’amministrazione precedente dicendo le stesse cose che diceva in campagna elettorale,porta schermi,mette alla berlina onesti lavoratori,fa il maresciallo non il sindaco mentre le strade cadono a pezzi,i turisti scappano e sono sempre di meno,gli imprenditori  di Capaccio Paestum costretti a votare Berlusconi per l’assenza di un municipio che pensa a fare processi e non ad amministrare la città come dovrebbe essere amministrata.Ammesso e non concesso che quelle cose che processa il sindaco Palumbo fossero vere,ma non lo sono come le espone lui la verità va detta integrale non viziata da tagli a monte,sono cose vecchie per le quali eventualmente la gente ha cambiato amministrazione. Palumbo è stato eletto sindaco e si è assunto oneri e onori,funziona in questo modo.In tutto si guarda avanti,molte persone a Capaccio Paestum non possono mettere il piatto a tavola e il consiglio comunale invece di pensare a legiferare,a fare proposte,a costruire si mette a fare processi.A cosa serve? Dove si vuole arrivare.Se Palumbo riscontra irregolarità e  punibili a norma di legge non va in televisione a gridarle e si mette a dirle in consiglio comunale,va in tribunale e le denuncia.Se Sabatella aveva fatto quell’interrogazione,mandava una risposta scritta al consigliere o lo chiamava nel suo ufficio e lo rendeva edotto di tutto,non si metteva a fare il comizio o il talk show in consiglio comunale inserendolo addirittura all’ordine del giorno queste non sono cose da sindaco,questa,il sindaco ce lo consente,è una porcheria propagandistica,il sindaco non si fa così lo spieghino al primo cittadino. Palumbo dunque finisce nel ciclone,è nella bufera, perchè a Capaccio Paestum non si parla d’altro ma non nel modo che pensa lui. A finire sotto accusa dall’opinione pubblica è lo stesso sindaco il quale in ben 10 mesi di amministrazione non ha fatto un “cazzo” lasciateci passare il termine per sdrammatizzare.Ha solo pensato a buttare fango sulla macchina burocratica e su chi lo ha preceduto.Eppure ci risulta che lavora continuamente senza sosta per dare risposte alla gente ma la candela arde e la cera si consuma.Nino Pagano,i consiglieri,la giunta,la vice sindaca,l’assessore Aprea  dovrebbero  fermarlo un po e indirizzarlo verso azioni più costruttive per la città ormai allo sbando con Palumbo alla guida.Non si muove una foglia.Per i processi ci sono i tribunali,il comune serve per amministrare.Noi siamo sempre convinti delle capacità di Palumbo, della bontà di chi gli sta vicino per amministrare,ma ora la gente sta gridando vergogna e sono soprattutto coloro che lo hanno votato.Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.