SPORT

PARTITE SOSPESE IN CAMPANIA L’ALLARME DI SALVATORE GAGLIANO,L’EX PRESIDENTE ALZA LA VOCE

PER GAGLIANO IL VUOTO ISTITUZIONALE E’ DANNOSO E CHIEDE SUBITO NUOVE ELEZIONI

Il pallone è sgonfio, da tempo: i campi di calcio in Campania si trasformano sempre più spesso in ring e gli arbitri – sempre meno tutelati – sono costretti a sospendere le partite. Il bollettino dell’ultimo weekend fa riflettere: dopo la sospensione della gara Marina di Camerota-Cicerale, nella giornata di sabato sono state sospese le gare di Promozione girone D Salernum-Sammaurese e girone A Neapolis – Rione Terra. Nel calcio a 5, Olimpia Capri – Atletico Vitalica. Lo Sporting Limatola inoltre lamenta incidenti verificatisi nella gara Pozzuoli Futsal Flegrea-Sporting Futsal Limatola. Infine un altro episodio increscioso, ai danni di un giovane fischietto di Ercolano, si è verificato a Pianura alla gara Boys Pianurese – Real Grumese: l’arbitro è stato costretto al ricovero in ospedale e la gara naturalmente è stata sospesa.

L’allarme e le sottolineature

Salvatore Gagliano, ex Presidente regionale della Figc, chiama in causa anche le istituzioni del calcio e chiede loro di prendere decisioni immediate: “Agite presto, prima che il danno sia irreparabile. Il Consiglio Direttivo della FIGC Campania è decaduto il 5 ottobre ed è stato nominato un reggente. Sono trascorsi circa 40 giorni e non si capisce perché il Presidente Sibilia, probabilmente distratto dai notevoli impegni politici e della FIGC a Roma, non provveda a convocare le naturali elezioni. La Campania calcisticamente è allo sbando. Gli incidenti erano decisamente calati grazie ad un politica di dialogo con le società e con gli organi arbitrali, adottata nell’ultima stagione calcistica, finanche apprezzata e condivisa dal Presidente degli arbitri Campani Virginio QuartuccioOggi con un reggente presente un giorno per settimana come si può pensare di gestire il calcio e supportare le società in Campania? Mancano totalmente gli interlocutori, sia per il Calcio ad 11 che per il Calcio a 5 ed il femminile. Va considerata anche la delicatissima situazione in cui si trova il Segretario Generale, in seguito ai problemi apparsi sulla stampa di recente.
La nostra governance si era impegnata a far designare dei Commissari di Campo, ma all’atto della decadenza del Consiglio direttivo, il primo provvedimento è stato quello di bloccare le designazioni dei Commissari, che rappresentavano un idoneo deterrente per debellare la violenza”.

Il pressing delle società

“Le Società ci esortano chiedendoci cosa aspetti il Presidente Sibilia ad adempiere ad un suo preciso dovere, ossia garantire elezioni ed un Presidente alla Campania – prosegue Gagliano – Non esistono assolutamente motivazioni che possano giustificare questi ritardi: la situazione contabile è tranquilla, il rapporto con le società era ed è sereno, non ci sono ammanchi, non ci sono irregolarità, non ci sono anomalie, allora ciò che ci si chiede è quale sia il motivo per non votare e dare una guida sicura al Calcio in Campania. Rispetto gli impegni del Presidente Sibilia – da quelli di parlamentare, quale deputato di Forza Italia, a quelli di Coordinatore sempre di Forza Italia della Provincia di Avellino. Rispetto i suoi impegni al Coni quale componente di giunta e quelli da Presidente della LND e di Vice Presidente Vicario della FIGC. Insieme alle società, però, ci domandiamo se il Presidente Sibilia troverà un attimo di tempo per capire che le società Campane meritino la giusta attenzione, visti i notevoli sacrifici economici che affrontano”.