1 Marzo 2024

AGROPOLI, A 10 ANNI DALLA STRAGE DELLA SUPERSTRADA SI TORNA A PARLARE DELL’AUTOVELOX

Era la domenica sera del 9 febbraio del 2014 quando in uno scontro sulla cilentana tra Agropoli nord e Agropoli sud morirono 4 persone tutte sul colpo. Una strage praticamente. Ma in quel punto e nell’arco di 100 metri in pochi anni sono morte in quegli anni almeno 10 persone vittime di incidenti stradali ma su tutto il tratto tra Agropoli nord e sud oltre che in molti tratti della stessa cilentana le croci sono state sempre troppe. In seguito a quel sinistro maledetto il sindaco dell’epoca Franco Alfieri insieme al comando dei vigili urbani istituirono un autovelox e bloccarono le morti. Dopo l’istallazione del dispositivo anti velocità come d’incanto gli incidenti mortali diminuirono ma l’autovelox venne preso di mira dalla gente perchè i multati erano tanti. Ci fu una riduzione di incidenti ma l’aumento delle multe ha fatto scattare numerose proteste e ricorsi  per cui tanto hanno fatto fino a farlo togliere. Una volta lo andarono anche a sparare di notte. Il comune di Agropoli venne accusato di strozzinaggio, usurpazione e di tanto altro ma i numeri diedero ragione agli amministratori perchè il numero dei morti si azzerò completamente. Dopo averlo tolto qualche incidente è stato fatto anche con decesso ma la gente abitualmente ha sempre frenato e rallentato nei pressi di quel posto intimorita dalla presenza dell’autovelox anche se non c’era. Ora il comandante dei vigili di Agropoli Antonio Rinaldi con l’amministrazione comunale sta pensando di riattivarlo, un provvedimento opportuno e giusto per chi ha vissuto l’onta di quella strage e per una città come Agropoli sempre favorevole al dispositivo perchè è stato l’elemento determinante per evitare le stragi in quel punto della Cilentana.

4 morti – Agropoli News
La foto è relativa al 9 febbraio del 2014 sera dell’incidente sulla superstrada di Agropoli

 

La giunta comunale guidata dal sindaco Roberto Mutalipassi, all’unanimità, ha deciso di prendere in prestito un altro autovelox che molte critiche ha determinato, ovvero quello utilizzato dalla Polizia Municipale di Rutino per i controlli sulla Cilentana e poi dismesso. Il comune agropolese ha dato il via libera alla convenzione per il comodato d’uso dell’apparecchio che, a differenza di quello precedentemente installato dall’amministrazione Alfieri tra Agropoli Nord e Agropoli Sud, è mobile, quindi potrà essere posizionato in qualsiasi punto della città dai caschi bianchi.

About Author