18 Luglio 2024

AGROPOLI, ADDIO A MEMMO CONFORTI MENTE E BRACCIA DELLA CITTA’ PER OLTRE 50 ANNI

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

Per oltre 50 anni non si è fatto niente che non sia passato per la sua mente o per le sue braccia. Era l’uomo di tutti i contesti, grande interprete dell’Us Agropoli nella quale ha fatto il presidente, il direttore sportivo e il direttore generale. Con il professore Sicilia e il commendatore Guariglia componeva la triade d’oro degli anni settanta e ottanta, Con Giulio Russo il tandem d’oro delle assicurazioni, con  il professore Franco Cianfrone,  Aurelio Cianfrone, Aldo Botti, Giunio Cantarella era l’ispiratore del Partito repubblicano. In politica ha dato il meglio di se. Era la mente, non si candidava ma candidava gente e proponeva. Era tra gli incarichi tecnici e quelli di nomenclatura. Un uomo che sprizzava spimpatia da tutti i pori ma era anche molto severo e attento alle confidebze facili. Lo riconoscevi subito con i suoi loden elegantissimi e il passo dell’agropolese vero con un nome  importante e un ruolo sempre centrale in ogni cosa che faceva.

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

Con Memmo Conforti se ne va un tifoso storico del Napoli ma anche un agropolese vero lontano dalle nuove generazioni perchè troppo diverso ma a misura nell’Agropoli dei tanti sindaci, dei tanti campionati della squadra , delle processioni solenni. Storici alcuni esoneri di allenatori locali, ma anche suggestivo nel domare i bollenti spiriti di politici giovani prorompenti sulla scena politico-amministrativa della città. Il suo sguardo rassicurante a volte bleffante come una partita di poker formavano un personaggio unico che abbiamo amato sopra ogni cosa perchè lui era Agropoli. E in tutti i contesti quando sembrava che si fosse disinteressato con lunghi periodi di assenza poi tornava alla carica ed egemonizzava la scena. Frequentatore dell’Agropoli By night la taverna dei monaci era il suo locale preferito ma non disdegnava un Peppino di Capri al Saracino o i Pooh al Carrubo. Sostenitore e socio della discoteca Petaluma ha fatto parte del consiglio di amministrazione di Radio Agropoli, della pro loco tra le tante partecipazioni. Abitava in via Canova la strada di Ernesto Apicella lo storico che più di tutti forse lo saprà narrare. Con Memmo Conforti abbiamo raccontato un pò dell’Agropoli che ci manca, di cui abbiamo nostalgia ma di cui andiamo fieri. Modestino Rosiello sarà contento di leggere queste righe perchè forse oggi conosciamo un’Agropoli diversa, più ampia, più città,meno paese e meno nostra. Il tempo passa e con Memmo Conforti se ne vanno tanti ricordi, trionfi di vita, aspetti di una cittadina che è la nostra vita e quando uno come Memmo Conforti che ha rappresentato un protagonismo serio, pulito, di grande esempio e di straordinario impatto per la città  se ne va, tutto diventa fragile e il ricordo diventa malinconia.Il semplice grazie per Memmo è solo una retorica terrena, merita altro e di certo lo troverà nella gloria di un paradiso che ha meritato, quello terrestre ad Agropoli, quello Divino che lo ha già accolto. Buon viaggio caro Memmo e ricordati questa città ti ha amato perche ti ha permesso di orientarla in tutte le sue fasi di crescita, d’altra parte nulla avviene a caso e se il buon Dio ha scelto di farti vivere nella nostra Agropoli e perchè le tue doti servivano qua. Sergio Vessicchio

Le foto sono di Ernesto Apicella

About Author