22 Luglio 2024

AGROPOLI, AL PORTO 500.000 EURO DI PARCHEGGI, VERGOGNA O VIRTUOSISMO MA DOVE VANNO A FINIRE

ADAMO COPPOLA SINDACO E MASSIMO LA PORTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO HANNO IL CERVELLO IN CONFUSIONE

 

Una vergogna o un virtuosismo. E’ questa la domanda che ci si pone davanti alla cifra spifferata dai piani alti di palazzo di città. 500 mila euro introitati nei soli mesi di luglio e agosto e solo al porto per i parcheggi a pagamento allestiti dal comune. Questo fa capire il caos che c’è stato al porto nel quale l’amministrazione fa denari. L’anno scorso 345.000 nei soli mesi di luglio e agosto. Quest’anno quasi il doppio. Se si considera il disordine, il caos, il modo selvaggio in cui viene tenuto il porto, questo è uno schifo senza precedenti.

Le denunce fatte dagli uomini della capitaneria di porto in special modo nel clou dell’estate sono rimaste, come sempre, inascoltate. Al comune il sindaco, La Porta, non se ne fottono proprio del comandante del porto e dei suoi uomini e fanno quel che vogliono. La capitaneria ha denunciato la scadente manutenzione del comune, le sbarre rotte, l’assenza di servizi igienici con la gente, molte volte ,costretta ad andare proprio all’interno della capitaneria per fare i bisogni, l’asenza di vigili urbani, le corse notturne e tanto altro. Dal comune ribattono: ” E loro che ci stanno a fare” in riferimento al comandante Valerio Di Valerio e ai suoi uomini. I militari del porto ritengono invece che la competenza non può essere la loro per effetto di un provvedimento della regione. Uno scontro istituzionale specchio fedele del casino e della vergogna del porto, incontrollato e violentato dalla gente, turisti e locali irrispettosi e senza contegno. Approfittano dell’assesnza delle istituzioni. E al comune sta bene tanto ha guadagnato 500.000 mila euro. In una città dove tutto è andato a rotoli, ad Adamo Coppola, a Massimo La porta che lo controlla con il nipote al demanio cosa può fregare del porto. Quello che doveva essere il fiore all’occhiello di Agropoli è diventato il cesso della città. Tanto chi se ne frega dicono dal comune. Se si rivolta la medaglia ci si rende conto che incassare la cifra di 500.000 euro è un virtuosismo amministrativo macchiavellicamente ottenuto. Fa niente che il porto è diventato un cesso pubblico basta che sono entrati i soldi. Chiamiamolo pure virtusismo, secondo i criteri normali è una porcheria, uno scandalo.

 I SOLDI DOVE VANNO A FINIRE, DOVE SONO, LA CITTA’ E’ ALLO SFASCIO

Ora ci si chiede dove vanno a finire questi soldi. Se solo al porto in due mesi è entrato mezzo milione figuriamoci con l’azione dei vigili urbani, con una città “okkupata” dai parcheggi a pagamento, dalla tassa di soggiorno e da altre tasse, quanti soldi ha incassato il municipio. L’amministrazione, i funzionari, cosa ci fanno con questi soldi? Le alghe sono ancora al loro posto e andrebbero tolte subito, cominciare adesso il lavoro e sgomberare la marina e il lido azzurro dalla montagna di alghe simbolo dell’amministrazione attuale guidata da un sindaco scadente, scarso, incapace e senza dignità ormai. Una vergogna di sindaco mai avuto ad Agropoli. Le opposizioni dove sono? Perchè non fanno sapere alla gente questi soldi che fine hanno fatto, come vengono investiti visto che è impossibile che una cosa del genere possa uscire dall’amministrazione. Il funzionario di riferimento uomo fidatissimo  del sindaco Valeriano Giffoni non sa niente di tutto questo? Dove sono i soldi incassati dal municipio visto che la città è allo sbando, sfasciata dai due compari Adamo Coppola e Massimo La Porta il quale, come è noto, gestisce anche l’assessore al bilancio Roberto Mutalipassi nominato proprio da lui. Ma possibile che questa gente possa agire incontrollata, sfasciare la città senza che nessuno controlli, senza opposizione e con la presunzione di essere meglio degli altri? Uno schifo totale, hanno distrutto Agropoli e agiscono solo ed esclusivamente per i loro interessi. Basta vedere le condizioni delle spiagge con le alghe e la monnezza, la condizioni del fiume, la sporcizia in mezzo alla strada con la sarim che raccoglie e blocca il traffico a tutte le ore. La viabilità che è uno schifo. Un turismo scaduto ai minimi storici per qualità, lo schifo delle corse sul lungomare a tutte le ore senza un solo intervento dell’amministrazione per frenare questi vandali.  Poi fanno feste e festicciole e il sindaco si mette la fascia solo per le inaugurazioni da clientela politica. Hanno toccato il fondo ma sono insensibili perchè come politici sono delle merde come uomini sono privi di valori. E quando non si hanno valori non si comprende l’esigenza di far star bene la città che si amministra dal mandato popolare. Ora Agropoli è lo specchio del cevello di Adamo Coppola e Massimo La Porta. I loro cervelli per molte cose sono in confusione. E la città è in confusione e non solo. Sergio Vessicchio

About Author