21 Giugno 2024

AGROPOLI, ALTRA TRAGEDIA IN MARE MUORE SIMONE PISCIOTTANO

Simone era un pescatore di lunga gittata, Tantissima la sua esperienza ma si sa il mare non lascia scampo in special modo di questi tempi. Questa mattina. E’  stato trovato morto in mare, senza abiti, vicino alla sua imbarcazione, pare appeso coi piedi sullo scalmo e la testa nell’acqua che toccava l’elica. Una manovra particolare nel tentativo di salvare le reti per il mare alto. La battuta di pesca era normale. L’episodio si è verificato tra Agropoli e Paestum alla Linora nei pressi del fiume solofrone. Da capire  la dinamica dell’incidente, forse l’uomo è rimasto incastrato nel rullo. Il pescatore, infatti, aveva appena ritirato le reti. Sul posto, per il recupero del corpo, la Guardia Costiera di Agropoli e i Carabinieri. Presenti anche i sanitari del 118, Vigili del fuoco del distaccamento di Agropoli e alcuni pescatori immediatamente accorsi in zona. Una tragedia, Simone era molto conosciuto in città e in special modo al porto dove sostava buona parte delle sue giornate proprio. Apparentemento schivo, generoso e pieno di altruismo, Simone ha rappresentato per lunghi anni una immagine precisa del mondo della pesca perchè la sua figura ha rappresentato la continuità dei pescatori agropolesi dall’antico al moderno. La sua scenografica presenza era una icona spesso riportata su riviste e giornali. Simone  è morto sul campo, durante il suo lavoro e questo rappresenta anche un modo per ricordare il difficile impegno professionale dei pescatori categoria spesso dimenticata a poco tutelata. E’ un lavoro antichissimo esercitato sin dalle prime luci dell’esistenza dell’uomo. Per Agropoli se ne va un uomo molto perbene e tutti noi quando lo incontravamo avevamo l’impressione per le sue sembianze somatiche alla leggendaria figura di Simone il pescatore bibblico diventato poi Pietro.

Nessuna descrizione disponibile.

About Author