AGROPOLI, BABA’ NATALE FANNO IL SUB APPALTO E NON PAGANO IL SUOLO PUBBLICO LA PROCURA INDAGHI

SERVE UN INDAGINE A TAPPETO CON INTERCETTAZIONI E CIMICI PER SCOPRIRE LE OPPOSIZIONI ANCORA FANNO UNO STRANO SILENZIO ALL’INTERNO DEL PARCO SI SUB AFFITTANO CASETTE A 650 EURO PESCE SANTOSUOSSO E LA PORTA NON POSSONO TACERE DAVANTI A TUTTO QUESTO

Riqualificazione completata: inaugurato il Parco "Bonifacio" ad Agropoli |  VIDEO - InfoCilento

 

 

In data 20/10/2023 con delibera di giunta comunale n. 509 pubblicata solo il 27/10/2023 l’amministrazione nel prendere atto di una proposta della solita cooperativa Opvs da atto di indirizzo al funzionario dell Ufficio turismo per indire manifestazione di interesse al fine di verificare se ci fossero altre associazioni interessate ad ottenere il suolo dell’intero parco pubblico alla modica cifra forfettaria di euro 3.000 per circa 40 giorni  cifra interamente poi data come contributo alla stessa associazione per cui, di fatto non viene versato nulla per ottenere il parco pubblico per il quale non viene pagato il suolo pubblico come dimostreremo. Successivamente il funzionario indice la manifestazion e con scadenza dopo appena 3 giorni dalla pubblicazione della Delibera (30/10/2023) e nomina una commissione per valutare le proposte progettuali alla quale fa parte il Comandante Rinaldi il quale, come lo scorso anno, si assenta e  poi fa firmare la sua vice. Oggi apprendiamo che l’unica proposta approvata è quella del solito soggetto che legittimamente (in sintonia con il sindaco e l’assessore Di Filippo) subaffitta il suolo pubblico a 650 euro a casetta senza contare I ticket di ingresso ad un parco pubblico. Alla fine si conteranno come sempre centinaia di migliaia di euro.

 

 

L’opposizione non interviene davanti ad una situazione al limite della legalità e con un parco pubblico totalemte occupato da privati. E’ evidente che c’è del tenero tra l’amministrazione comunale e l’associazione e i suoi rappresentanti.  Basterebbe un indagine fatta anche con il solo ausilio di cimici e intercettazioni telefoniche  per smascherare questo giro di affari e relativi tra i titolari dell’associazione e i  soci occulti un sodalizio in grado di spartirsi circa 500 mila euro all’anno. Le  opposizioni bastava chiedessero i bilanci  delle associazioni  o dell’associazione per verificare ingressi e uscite ma purtroppo c’è una comunità d’intenti tra il sindaco, l’assessore agli eventi, la giunta tutta, i consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione. Questo babà natale arricchimento per pochi su suolo pubblico rappresenta una vergogna per Agropoli . Pesce, la Porta e Santosuosso sono ancora in tempo per distinguersi, avviare un’inchiesta interna e mandare le carte alla pòrocura della repubblica. Noi non ci fermeremo e appena avremo altri elementi di denuncia continueremo a lottare contro i soprusi, contro i  nullafacenti che campano sulle spalle dei cittadini di Agropoli. L’assenza del comandante dei vigili in commissione grida vendetta, se non c’era lui che è portatore sano di serietà e di legalità vuol dire tanto e se c’è del marcio va  fatto emergere. Serves

About Author

%d