Le schede tirate fuori una ad una dal vice prefetto Amantea stanno raccontando una situazione decisamente diversa dal quadro cristallizzato il 12 giugno notte. Le sole schede nulle, l’uniche sulle quali si può guardare cosa è successo secondo le disposizioni del tar nell’ambito del riconteggio non dei voti ma delle schede, contengono i numeri per il ballottaggio. In pratica solo verificando le schede nulle si era andati al ballottaggio. Le operazioni di riconteggio sono quasi finite, oggi dovrebbe esserci l’ultimo step, ma sembra che il vice prefetto voglia chiedere una deroga per procrastinare il controllo.

 

Ma c’è di più, gli avvocati di Raffaele Pesce vogliono integrare la loro richiesta anche al riconteggio dei voti perchè da quando sta emergendo la situazione è totalmente diversa da quanto si è fatto in sede di scrutinio. Ormai anche i legali delle opposizioni si sono convinti che devono fare l’affondo decisivo e far ricontare anche le schede votate. Una delle peggiori incongruenze sarebbe stata registrata nella sezione numero 16 dove su 918 schede votate e scritte a verbale se n trovano solo 915 e questo è gravissimo. Avremo modo di aggiornarvi appena avremo altre notizie, sta di fatto che l’attuale squadra amministrativa a palazzo di città è sempre più abusiva e a febbraio potrebbe esserci il sorpresone anche se è meglio usare il condizionale, non si sa mai, con la giustizia italiana tutto è possibile anche se  sono troppo evidenti gli errori, anzi gli orrori, per far finta di niente. Sergio Vessicchio

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js