24 Aprile 2024

AGROPOLI, DI BIASI CONTRO DE LUCA E ALFIER:”LA SALERNITANA VENGA AL GUARIGLIA “

 

Franco Di Biasi presidente del consiglio comunale di Agropoli non ci sta di perdere una possibilità di poter avere la Salernitana ad Agropoli e lancia un sassolino molto importante che potrebbe cambiare le sorti del calcio agropolese e cilentano.

«Agropoli sarebbe onorata di ospitare le partite casalinghe della Salernitana allo stadio Guariglia».  in considerazione del fatto che lo stadio Arechi sarà oggetto di lavori di ristrutturazione per la realizzazione della copertura e la Salernitana cerca casa.

In città, l’impianto di riserva individuato è il campo Volpe, che al termine di una ristrutturazione, diventerebbe stato provvisorio con un capienza di 15mila posti.

«Ad Agropoli si spenderebbero meno soldi, perché abbiamo già video sorveglianza. sala Gos, settore ospiti delimitato con accesso separato – rilancia Di Biasi – La prossima settimana, nei giorni della rizollatura del manto erboso a spese del Comune, provvederemo ad inviare una lettera al presidente della Regione Campania, De Luca, e al presidente della Salernitana, Iervolino, invitandoli a prendere in considerazione anche la candidatura del “Guariglia“.

I PROBLEMI

Di Biasi in autentica buona fede ha fatto una proposta seria ed intelligente senza sapere che Iervolino e la Salernitana oltre al Volpe hanno chiesto lo stadio di Eboli e quello di Agropoli già da tempo  sentendosi rispondere negativamente perchè la politica si è messa di traverso, i sindaci di Salerno e in special modo di Eboli e Agropoli sono stati pressati a dire no dal gruppo dei Deluchiani  di cui come è noto fa parte anche Franco Alfieri i quali ritengono che deve essere la politica a fare le scelte e non il presidente della Salernitana. Di Biasi con la sua proposta va in controtendenza con la posizione politica e apre un varco nella controversia tra Iervolino e la Salernitana causa per la quale il presidente ha messo in vendita la squadra e sta trattando con un fondo. Ha mollato sulla prima squadra, ha mollatro sui terreni per il centro della Salernitana. In ogni caso se non sarà Iervolino sarà qualche altro presidente ma la proposta è valida.

GELBISON

La gestione del campo è franata, l’Agropoli non ha i mezzi ne i soldi per gestire l’impianto, la pena realtiva all’atletica leggera e tanto altro. Il Guariglia oggi è in stato di abbandono, l’Agropoli è dovuto emigrare a giocherà le partite  lontano. Il comune con un artifizio ha evitato che la gestione andasse alla Gelbison che ne faceva richiesta dopo averci speso oltre 300.000 in un anno e mezzo, l’Agropoli si è allenata e ci ha giocato mentre si faceva la semina e questo ha comportato la rovina totale del manto erboso con i soldi spesi dalla Gebison. Ora Franco Di Biasi parla di sala gos, sala stampa, sala anti doping quando però queste strutture all’interno sono state fatte dalla Gelbison e a questo punto non si sa se la Gelbison sarebbe disposta a mettterle a disposizone dopo il trattamento riservatogli. per di più ci sarebbe il problema dell’atletica leggera. Se nel contempo venisse elminata la pista di atletica leggera e ci venissero i parterre l’idea di Franco Di Biasi inizialmente di Iervolino potrebbe essere una cosa importantissima per la città, il Guarigla smetterebbe di essere un oggetto per campagne elettorali, il calcio avrebbe il suo tempio anche per campionati ed eventi importanti. Una cosa è certa bisogna subito trovare un accordo con Puglisi presidente della Gelbison l’unico che può mettere d’accordo tutti e coinvolgere anche l’Agropoli con Cerruti e richiamare Carmelo Infante e tenere in considerazione Costabile Mondelli il quale preme per entrare nell’Agropoli. Il progetto andrebbe oltre la parentesi Salernitana, l’Agropoli avrebbe la serie A o serie B con i granata dopo aver avuto la serie C con la Gelbison e con questi personaggi forse anche una squadra più importante. Sergio Vessicchio

About Author