Il castello, la mostra sulla nazionale, bellissima, da visitare. 40 anni dopo il trionfo ai mondiali di Spagna, torna l’emozione per quell’impresa dell’Italia di Bearzot con la mostra “Un secolo di azzurro”, che fa tappa ad Agropoli, nel Salernitano. Dal 30 giugno al 7 luglio oltre 300 cimeli, testimoni delle imprese della nazionale di calcio, esposti nel castello Angioino-Aragonese del Comune cilentano: dal pallone della finale del 1934 alle maglie che hanno vinto l’Europeo lo scorso anno, passando le divise di Totti, Del Piero e Cannavaro, campioni a Berlino nel 2006. L’evento, promosso dall’associazione con la Virtus Agropoli Academy, ha il patrocinio dell’Unione Stampa Sportiva Italiana.

La manifestazione stasera assegna anche il premio “Vincenzo Margiotta”, agropolese ed attaccante della Salernitana che ha scritto la storia nel dopoguerra e tutt’ora è il più grande cannoniere della Salernitana con il record di reti sfiorato solo da Pisani.

Il presidente nazionale Ussi Gianfranco Coppola lo consegnerà a Totò Schillaci, eroe delle notti magiche di Italia 90. Ieri sera giornata d’apertura il telecronista della Rai Marco Civoli e Schillaci hanno aperto la manifestazione. In basso le interviste e tutta la serata d’apertura trasmessa in diretta dal canale youtube di Sergio Vessicchio (clicca qua).  La mostra sarà visitabile gratuitamente dalle 18.00 alle 24.00.

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js