1 Marzo 2024

AGROPOLI, PIOVONO PROTESTE PER LA CASA DI BABBO NATALE DIVENTATA UNA SAGRA PESCIAIOLA CON TANTO DI SPACCIO CHIUDETELA FATE PRESTO

L’INGANNO AI BAMBINI QUEST’ANNO DIVENTA ANCORA DI PIU’ UN DANNO PER LA CITTA’ DI AGROPOLI E A BENEFICIARNE SONO POCHI ELETTI . LO HANNO SPOSTATO NEL PARCO PUBBLICO DOVE SI ARROSTE, SI FRIGGE E DOVE SI SONO PORTATI   GLI SPACCIATORI DELLA CITTA’ PER MERCANTEGGIARE LA LORO ROBA, QUESTO SCHIFO VA BLOCCATO

Nessuna descrizione disponibile.

 

“O pesc o pesce”, ” a sasiccia a sasiccia” il povero babbo natale(70 euro al giorno) si fa per dire, puzza di pesce, di fumo, di arrosto  e con la vendita della droga sotto il naso. Perchè è costretto a subire la puzza di pesce, quella degli arrosti, una festa paesana con tanto di  spacciatori che fanno il mercato della droga perchè il movimento spaccio si è spostato dalla piazza al parco pubblico. I bambini portati in un letamaio di proposte mercatare. La protesta corre ovunque iin città mentre l’associazione comincia a contare una su una le 100 euro fino ad arrivare a 500mila euro perchè tanto è il movimento di soldi che conteranno fino all’epifania. In barba a tutti i regolamenti  e alle regole ma anche alle leggi, da 6  anni ai danni dei bambini e delle famiglie molte delle quali sono costrette a portare i propri figlioletti, c’è una collusione nemmeno tanto occulta tra i sindaci, i funzionari alcuni consiglieri comunali e assessori tra il comune di Capaccio Paestum e Agropoli mandano in scena il più grande inganno  della storia di Agropoli. Il comandante dei vigili Rinaldi  uomo delle istituzioni e della regolarità in tutto  per il secondo anno non ha messo la propria firma e questo la dice lunga su quale imbroglio si cela dietro questo mercimonio partito dall’inganno verso i bambini ai quali fanno credere che ad Agropoli c’è il vero babbo natale fino ad arrivare ad un arricchimento di alcuni con soci occulti nelle istituzioni. Quest’anno i bambini li portano all’interno di questa casa di babbo natale mentre non c’è igiene nella proposta culinaria e l’asl non interviene chiude gli occhi, senza i permessi istituzionali e con l’affitto delle casette per le quali il consigliere di minoranza La Porta ha fatto l’accesso agli atti, totalmente fuori regola.

LE PROTESTE IN CITTA’

La casa di babbo natale diventata una vera e propria sagra di paese nel parco pubblico, con il parcheggio di fronte e quello dell’Eurospin è studiata molto bene per fare soldi ma quel poco di movimento che c’era in piazza si è spostato totalmente a via taverne tra supermercati, il bellissimo cine teatro che sta crescendo notevolmente per fortuna e ora il babbà natale, i commercianti del centro sono rassegnati il fulcro vitale di Agropoli  di una volta è diventato ormai centro storico, con la movida ormai annullata e uccisa dall’amministrazione comunale, chiude a metà pomeriggio. Piovono le proteste verso il municipio ma nessuno li ascolta, ci chiamano per farci protestare ma noi pur facendolo non serviamo a niente, questi passano su tutto. Pesce ottenuto l’importantissimo successo sui brogli elettorali pensa di essere arrivato e invece è solo un punto di partenza perchè l’esigenze della gente, delle categorie commerciali, dei dipendenti che perdono il lavoro , della piazza isolata, dei danni dell’amministrazione Mutalipassi devono aver eun altereco e la gente ha scelto Pesce stranamente ritiratosi davanti alle grida di aiuto della città. La gente, la città, non ha punti di riferimento questo fatto Raffaele Pesce deve coglierlo e deve porsi al fianco di chi oggi chiede aiuto contro il sistema di potere che sta arricchendo i sodali dello stesso potere e affossando Agropoli. Da tempo diciamo che la casa di babbo natale  è un regalo ad un fortunato prescelto chissà per quali doti, forse si è chiavato la persona giusta e ha dei soci occulti che mangiano alla stessa tavolozza e tutto questo a discapito della città, della sua crescita, e della sua vita quotidiana. Il danno della casa di babbo natale alla città è enorme e non solo economico ma di cultura, di metodo,di impostazione. Se la organizza il municipio ha un valore perchè i consiglieri sono stati votati ed eletti per amministrare e lavorare per la città, se si concedono luoghi pubblici gratis, senza far pagare suolo pubblico a privati   solo perchè sono entrati nel letto giusto a discapito degli agropolesi utilizzando e strumentalizzando l’ingenuità dei bambini è grave, molto grave. Agropoli concede di far lucrare sull’ingenuità dei bambini sui quali si concentra il più grande malaffare della storia di Agropoli mai visto prima da sei anni in continuità sfidando anche il covid. I luoghi storici e pubblici della città concessi a privati per fare affari personali è il più grande schiaffo che il sistema di potere che gestisce la città poteva dare alla stessa città. IL SINDACO, LA GIUNTA, I CONSIGLIERI COMUNALI, I VIGILI URBANI, I CARABINIERI,LA PROCURA DELLA REPUBBLICA FERMINO QUESTO DISASTRO E QUESTA ILLEGALITA’ CHIUDANO QUESTA CASA DEL MALAFFARE CHIAMATA CASA DI BABBO NATALE Sappiamo che le nostre denunce si fermeranno qua su questo blog ma noi la coscienza la teniamo a posto per questo vi diciamo di fermarvi davanti al Bambino alla sua Nascita e al Natale. L’appello agli amministratori di fermare questo scempio per amore della città e per il bene di Agropoli e della sua gente.Sergio Vessicchio

About Author