La pronuncia del tar non inficia nessun atto ma dovrebbe, usiamo il condizionale, invitare l’amministrazione comunale a non andare avanti su situazioni molto importanti del municipio tipo i concorsi. Non a caso il consigliere di opposizione Raffaele Pesce, questa mattina ha ammonito l’amministrazione comunale e fermarsi su un concorso per motivi di opportunità. Queste le parole del leader di Liberi e Forti: “In attesa della pronuncia del Tar,
pur consapevole della carenza di personale, reputo inopportuna la scelta di procedere all’espletamento delle prove concorsuali comunali per due posti di cat.D ed uno di cat. C, tra l’altro in modalità “informatica /da remoto”, anche in previsione di “usuali” scorrimenti di graduatorie.
Concorsi banditi due anni orsono… diari di prove pubblicati il 26 ottobre…
Lunedì formalizzerò la mia richiesta di sospensione della procedura.

L’intervento di Pesce è quanto mai opportuno visto cosa si sta verificando in questi giorni e dovrebbe essere preso in considerazione da una maggioranza che invece punta solo all’occupazione di posti, di poltrone e di altro. naturalmente anche la sordità mostrata da faccia gialla e dai suoi uomini sul babà natale al centro storico dimostra l’irriverenza del primo cittadino nei confronti della legge e della legalità La minoranza certamente portrà tutto l’incartamento del babà natale in procura.

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: