24 Giugno 2024

AGROPOLI, RAPINA ALLA BCC INQUIRENTI A LAVORO VISIONATE LE TELECAMERE

Proseguono le indagini per dare un nome all’autore della rapina ai danni della sede di Agropoli della Bcc Buccino Comuni Cilentani, avvenuta martedì mattina. Quantificato il bottino che ammonterebbe a circa 70mila euro. I carabinieri della locale Compagnia stanno visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza interne ed esterne all’Istituto di credito per carpire indizi ed elementi utili a risolvere il caso. Si sta comprendendo anche se il rapinatore che si è presentato in banca avesse un complice che lo attendeva all’esterno. Sembra alquanto inverosimile che abbia fatto tutto da solo, fuggendo indisturbato e facendo perdere le proprie tracce. Si tratta certamente di un professionista che ha agito in pochi minuti, muovendosi all’interno dell’Istituto come se ne conoscesse ogni angolo.

Agropoli, rapina in banca: è caccia al malvivente - LIRATV

Una rapina per alcuni tratti strana, considerato come è avvenuta. Secondo una ricostruzione sommaria, il malfattore, con il volto travisato e vestiti alquanto goffi (aveva un giaccone da sci) si è presentato al cassiere mostrando una pistola che aveva nella cintola. Pare che al seguito avesse anche un coltello. Da comprendere il motivo per cui il metal detector all’ingresso non abbia suonato constatando la presenza di oggetti metallici. Probabile quindi che si trattasse di armi giocattolo (forse il coltello era con lama in ceramica). In ogni caso il cassiere, vista anche la presenza di diversi clienti alle prese con operazioni, ha assecondato la richiesta del rapinatore di condurlo al caveau. Con lui si sarebbero spostati anche altri dipendenti. Una volta all’interno del caveau il malvivente ha raccolto i contanti per poi darsi alla fuga attraverso una uscita di emergenza, facendo perdere le proprie tracce.
Pare che all’esterno ci fosse un complice a bordo di una vettura con targa straniera. Ma ad oggi non risulterebbe alcun ritrovamento da parte dei militari i quali sono giunti sul posto per i rilievi del caso e nell’immediato hanno disposto posti di controllo, bloccando tutte le potenziali vie di fuga sia verso nord che verso sud. Ma non avrebbero prodotto al momento alcun risultato.
Sono stati ascoltati anche dei testimoni che si trovavano nell’Istituto di credito prossimo centro cittadino. Ma pressochè tutti i presenti non si sono accorti di quello che stava accadendo, se non nel momento dell’arrivo delle forze dell’ordine. L’attenzione rimane alta per cercare di giungere quanto prima alla soluzione del rebus.

About Author