27 Maggio 2024

AGROPOLI RETROCESSA: MAGNA, VOLPE E CAPOZZOLI ORA LIBERATE LA CITTA’, ANDATE VIA!

L’Agropoli è retrocessa, a Bisceglie l’ultimo atto, l’ultima umiliazione, l’ultimo “cappotto”, si spera l’ultima apparizione di Magna, il quale ha già annunciato le dimissioni, Volpe pronto a scaricare lo stesso Magna di cui è il fido e cominciare a “leccare” Cerruti. Capozzoli rappresenta la parte colpevole dei calciatori (lo abbiamo già detto in un altro articolo). Tutti via, si cambia pagina, ci vuole aria nuova. Su Tiboni stendiamo un velo pietoso, ne ha fatte di cotte e di crude, ci vogliono nuovi stimoli e nuovi interpreti. Cerruti uomo che in questi anni ha sborsato fior di quattrini è pronto a rilanciare ma senza coloro che hanno fatto il bello e il cattivo tempo. Abbiamo già ampiamente detto che Magna è una persona molto seria, molto perbene ed è un professionista affermato ma calcisticamente ha dimostrato di non essere bravo. I giocatori, a parte qualcuno tipo Cherillo e Chiariello non retrocedono perchè ce l’hanno messa tutta, altri hanno subito la contingenza, Annese non retrocede perchè lui si è infortunato quando la squadra era ampiamente salva (ha pagato la mancanza di organizzazione e dal suo infortunio è guarito dopo 4 mesi), De Lucia e Amelio sono arrivati negli ultimi due mesi per cui hanno solo subito la retrocessione ma non ne sono protagonisti, quindi non hanno colpe. Non è esente da colpe Santosuosso il quale non ha saputo plasmare la squadra e ha permesso a Magna di smantellarla in due circostanze. Sorianiello ha avuto solo l’arte di spingerla nel burrone. Non retrocede Cerruti, ne Matteo Canale, ne tanto meno il massaggiatore Pasquale Lonardo, il cui lavoro ha spesso e volentieri colmato molti gap. Su Nicola Volpe già ci siamo espressi mille volte. La sua sola presenza è sintomo di retrocessione, per cui tutti via, si riparte da Cerruti al quale diciamo la stessa cosa che dicemmo quando entrò nell’Agropoli, non si circondi di personaggi deleteri perchè la prossima volta non se ne esce più. Sergio Vessicchio

About Author