22 Luglio 2024

AGROPOLI, SINDACO SOLIDARIETA’ A FIRENZE CONSIGLIATO DA UN NOTO COCAINOMANE

ll comune di Firenze ha chiamato al comune di Agropoli per ottenere la solidarietà rispetto alle nostre battaglie contro la vergogna di Firenze mostrata non solo nella partita di Coppa Italia ma in tutte le occasioni sportive e non solo in special modo quando gioca la nazionale ma il merito lo conoscono tutti inutile dilungarci i in questo. Si badi bene il sindaco di Agropoli può fare quello che vuole anzi nel rispetto del suo operato va sostenuto, tuttavia ne deve però prendere le conseguenze a tutti i livelli. Non entriamo nel merito dell’operato del sindaco fa quello che vuole. Il sindaco di Agropoli Adamo Coppola non voleva fare nessuna risposta da come ci comunicano dal suo entourage ma poi è stato costretto a farla sotto pressione di un noto cocainomane. Per cui questo trafiletto propagandistico fuori luogo non tanto per il tema trattato ma per come è stato partorito. Un sindaco che ancora una volta si fa imbeccare da un suo sodale, peraltro discutibile come persona, come uomo e come politico ,alla vigilia della campagna elettorale dimostra di non avere le palle per amministrare la città e mette in evidenza, laddove ce ne fosse il bisogno, le lacune apparse evidenti nei quattro anni di gestione nella guida di Agropoli. E commette sempre gli stessi errori. Se questo post fosse arrivato da un suo pensiero non avremmo detto niente anche perchè non fa una piega ci sta, ma per aggraziarsi l’appoggio anche della merda in campagna elettorale da il culo a chiunque. Il Pd poi c’entra molto in questa vicenda, Nardella sindaco di Firenze è un piddino e il partito probabilmente qualche pressione l’avrà fatta. Il merito del post fra l’altro è anche sbagliato, ve lo riproponiamo:

“ll sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, e l’intera amministrazione comunale, prendono le distanze dalle dichiarazioni del giornalista Sergio Vessicchio contro la città di Firenze e i tifosi della Fiorentina.

“Le sue affermazioni – spiega il primo cittadino – sono esclusivamente a titolo personale e non rappresentano il pensiero della comunità agropolese. Tutti conoscono le bellezze e la storia della città di Firenze, terra natia di Dante e culla della cultura italiana, che non può essere in alcun modo infangata da certe dichiarazioni. Esprimo la mia vicinanza e rinnovo la stima alla comunità fiorentina e all’intera regione Toscana”.

Il sindaco ha annunciato che invierà una lettera al sindaco di Firenze Dario Nardella per invitare una delegazione della città in visita ad Agropoli e magari instaurare un rapporto di amicizia reciproca per future collaborazioni in ambito culturale e sportivo.”

Le nostre dichiarazioni non sono timbrate Agropoli ma sono solo personali e, assumendoci le responsabilità, ci abbiamo messo la faccia grazie all’articolo 21 della costituzione. Oppure la vergogna del pd che ha instaurato una dittatura nella capitale del Cilento priva i suoi cittadini di esprimersi? Agropoli non c’entra questo è chiaro e per chi ci conosce non avremmo mai fatto un azione che potesse danneggiarla anzi ancora una volta la città di Agropoli ne ha tratto beneficio in maniera gratuita . Probabilmente a chi consiglia il sindaco, ubriaco di droga, danno fastidio le nostre azioni quasi sempre vinte, danno fastidio i nostri concetti spesso divisivi ma sicuramente incisivi. Il sindaco ha perso un’altra occasione per fare bella figura personale perchè ha agito sotto dettatura mostrando poca personalità. Perché trascinare la città di Agropoli in questa polemica? Cosa c’entra Agropoli? Se poi vuole aggraziarsi qualche voticino di qualche baldracca che va a commentare ci è riuscito. Se vuole i voti degli anti Vessicchio (sono tanti) forse qualcuno lo ha guadagnato. Fra l’altro le dichiarazioni contro Firenze sono state fatte dai siti www.tuttojuve.net, www.calciogoal.it e da mediaset proprio per non coinvolgere Agropoli minimamente non le abbiamo fatte nemmeno da www.agropolinews.it e avremmo potuto farle. E non sono nemmeno frutto di una contrapposizione territoriale, questo non c’entra proprio. E invece si vuole portare per forza questa polemica sul locale quando la città di Agropoli non c’entra. Paestum, l’unione di comuni, Vallo della Lucania, Castellabate non ci pare abbiano fatto nessun post a favore di Firenze o viceversa, si sono giustamente tenuti fuori eppure io abito al confine con Paestum, sono Cilentano di Castellabate e Vallo della Lucania e sono nell’unione dei comuni. In ogni modo vadano avanti perchè con questo loro fare hanno distrutto la città, vabbè ma quando amministrano affaristi, falliti, cocainomani, disperati (escludo il sindaco da questi epiteti) portano la città di Agropoli alla distruzione. C’è poi chi in queste ore sta facendo post perchè si deve candidare e sfrutta anche questo per visibilità ma nonostante ci bacchettino simpaticamente e non a ragione, li abbracciamo rispettando le loro opinioni anche avverse a noi. Il problema è il sindaco il quale non pensa quello che esprime e si fa tirare dalla giacchetta da gente di poco conto. Questa gente che ha al fianco sono stati i complici del suo fallimento sindacale. E questa volta lo ha ancora dimostrato. Sergio Vessicchio

About Author