La vice comandante dei vigili urbani di Agropoli dottoressa Valentina Nastari, energica e autorevole

E’ stata una settimana, quella passata, nella quale le forze dell’ordine di Agropoli hanno dato scacco alla nota comunità rom di Agropoli. Le due parti sono in guerra da sempre, da una parte lo Stato dall’altra l’anti stato. Dopo l’arresto dei Cesarulo ( clicca qua) le forze dell’ordine hanno deciso di prendere la mira sui rom che infastidiscono la quiete pubblica agropolese. E’ ben noto che il riconosciuto clan Cesarulo-Marotta mentre precedentemente operava lontano dalla città oggi invece determina ad Agropoli scelte, comportamenti ed entra nella vita politica locale. Non a caso molti locali sono chiusi per la loro presenza, vanno impostano le loro regole e se gli esercenti e gli operatori commerciali e turistici non le rispettano fanno in modo che questi chiudono, e ne hanno chiusi di locali ad Agropoli. Le ultime denunce degli operatori della movida hanno portato all’arresto dei Cesarulo fatti dai carabinieri agli ordini del capitano Fabiola Garello con il comandante di stazione luogotenente Carmine Perillo il quale è sceso in campo in prima linea con i suoi uomini per assicurare alla giustizia gli uomini del clan. Ieri domenica 30 ottobre sono stati i vigili urbani sollecitati magistralmente dagli uomini della capitaneria di porto ad arrestare un rom M.M. 31 anni reo di aver infastidito due persone e con l’avvallo dei carabinieri.

L’uomo, alla presenza di un centinaio di persone, è stato immobilizzato dall’agente di polizia municipale Fabio Astone e ammanettato dalla vice comandante Valentina Nastari la quale, con la collaborazione anche degli agenti Carmine Sarnicola e Mario Monaco ha capitanato il blitz contro il rom avviato dagli uomini della capitaneria di porto e concluso anche dai carabinieri in sintonia. Un’azione finalmente comune tra le forze dell’ordine presenti sul territorio per contrastare la delinquenza. Durante le operazioni di arresto l’uomo M.M.di 31 anni ha più volte sollecitato le forze dell’ordine di avere fastidio per le manette e per questo motivo è stata chiamata un’ambulanza ed è stato disposto il trasloco all’ospedale di Vallo della Lucania. L’uomo però è stato, per il momento, solo denunciato. Due dei vigili urbani presenti hanno dovuto lasciare il posto di piantone al comando nelle sede del municipio e recarsi sul porto a dimostrazione del fatto che sono pochi gli uomini a disposizione del nuovo comandante Rinaldi assente nella circostanza perchè, lo ricordiamo, lui ad Agropoli deve fare solo 18 ore settimanali e la domenica, giustamente, si gode il meritato risposo visto che a Capaccio Paestum sta in ufficio essendo il titolare dei tributi. La vice comandante non lo ha fatto certo rimpiangere e di sua sponte è andata ad arrestare il rom. Nel contempo il porto è in balia delle onde ma di questo avremo modo di parlarne successivamente. Sergio Vessicchio

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js