30 Maggio 2024

AGROPOLI,CAOS LUNGOMARE L’IRA DI FORZA ITALIA,MALANDRINO AL SINDACO: “SMETTILA CON QUESTE PAGLIACCIATE”

La chiusura disordinata e non come si deve fare del lungomare ha generato una serie di repliche che non stanno risparmiando il sindaco contro il quale si scaglia decisamente Forza Italia.Il responsabile cittadino degli azzurri Emilio Malandrino con una nota redarguisce il primo cittadino Adamo Coppola.Questo il testo:

LUNGOMARE “FASE 2”

Ero già intervenuto, di recente, in merito alla chiusura del Lungomare San Marco trasferendo al Sindaco di Agropoli qualche personale riflessione, ovviamente, del tutto ignorata ed inascoltata.

Sono stato in religioso silenzio osservando il percorso attuato  fino ad oggi che ha poi portato alla fatidica “PROVA” di ieri, ed oggi vorrei proporre qualche riflessione.

Sono riuscito a seguirlo in una sua diretta dal lungomare nella quale tirava le somme della PROVA tanto attesa.

Ho pensato che lui facesse una valutazione avendo forse visto il risultato di qualche altra cittadina turistico – balneare ,  ma non certo di Agropoli.

Agropoli, Caro Sindaco, ieri ha dato,  semmai ce ne fosse bisogno,  dimostrazione di quanto è, e sarà ancor di più con l’incremento di presenze nei prossimi due mesi,  fallimentare questa cervellotica scelta.

Partiamo dall’orario:

“altalenante”  perché manco loro sanno se inizia alle 20.00, alle 20,30 o alle 21,00 magari lo decideranno a  ferragosto oppure cambieranno orario sera per sera : ( RIDICOLI !!!! ) .

Altro che viabilità accettabile…., non c’è stato affollamento?

Voglio ricordarti che siamo al 20 giugno,prova a  immaginare  luglio e agosto quando le presenze diventeranno ( speriamo ) cento volte maggiori, il disastro e la paralisi del transito sarà certa ed inevitabile;  RICORDATI CHE QUELLA VIABILITA’ ALTERNATIVA UTILIZZATA NON E’ ADEGUATA ( chiedilo ai tuoi  esperti del Comando di Polizia Municipale ,  non fare il TUTTOLOGO  sic !!!! ) .

Ma da dove sei passato ?????

Altro che commercio nella norma.

Hai fatto un giro per le attività ed i negozi  di via Risorgimento dove,  a parte qualche attività di ristorazione ( pensando male,  forse vicino a te ed alla tua amministrazione, con tavolini sparsi qua e la’ alla carlona ), non è transitata  una persona ed i negozi e le altre attività erano completamente vuote?

Non c’era tanta gente sul Lungomare ( tue affermazioni ), ma se continui con questa boiata, prossimamente ce ne sarà ancor meno perché la gente preferirà bypassare Agropoli ( superstrada Agropoli Nord – Agropoli Sud )  ed arrivare  in altre località vicine  dove non  troverà questi disagi .

Hai provato a fare un giro per i negozi e le attività di Via De Gasperi, via Piave, via PioX, via Mazzini ecc, ? :

Il DESERTO……

Questa purtroppo  è,   e sarà,  la reale fotografia del paese.

Ma questo, probabilmente,  non conta.

Non va bene , caro Sindaco !!!!

FERMATI!!!

Fermati finché sei in tempo.

 Non produrre ulteriori danni alla Città.

Non contribuire a spegnere la vita  economica e commerciale  di chi combatte una battaglia già difficile e spingerla nel baratro più profondo.

Come PRIMO cittadino ne sei, e ne sarai,  corresponsabile.

Non perseverare  su una strada sbagliata.

Ecco come la penso.

Credo e son sicuro  che, come me, la pensino così in tanti ma tu, mentre dici di prendere in considerazione i suggerimenti e le riflessioni altrui,  ho l’impressione che, forte degli insegnamenti di una modalità da tempo perpetrata dal tuo predecessore e “Padrino politico”,  non ne prendi assolutamente in considerazione alcuno e continui nelle tue improbabili scelte.

Sarei contento, e sono pronto a confrontarmi personalmente come, quando e dove ritieni, se questo mio pensiero potesse contribuire a chiarirti maggiormente le idee ed a farti approdare  ad una decisione più saggia, equilibrata e razionale, per il bene di Agropoli e di una intera comunità che, oggi ancor più di ieri, vive una crisi profonda e drammatica , dovuta alle contingenze di tempi difficili, alla emergenza di questi ultimi mesi che attanaglia l’intero MONDO  ma , molto verosimilmente, ancor di più, paga anche le conseguenze di comportamenti e scelte amministrative a volte caparbie, dittatoriali, antidemocratiche ed  univoche,  prive di ogni confronto con la società civile che nulla ha di coerente con una civiltà libera, moderna e democratica.

                                                                                   EMILIO MALANDRINO – Coordinatore cittadino F.I.-

About Author