Le telecamere di videosorveglianza hanno aiutato i carabinieri ad individuare i ragazzi, quasi tutti minorenni, che ieri sera hanno causato una maxi rissa in piazza della repubblica(clicca qua).A dire il vero la versione dei fatti che vi abbiamo fornito in prima istanza non corrispondeva al vero. Infatti sembra, anche qui usiamo il condizionale, sia stato picchiato prima una ragazzo per futili motivi sopraggiunto il padre avrebbero aggredito anche lui. Sono intervenuti i Carabinieri della locale Compagnia, che hanno provveduto ad identificare i protagonisti, per lo più minorenni. Inoltre, sono state acquisite le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti, che verranno vagliate e, se ce ne fossero i presupposti, si procederà al deferimento presso il Tribunale dei minori.

Una situazione di malessere che serpeggia in città dove la giusta chiusura delle scuole sta favorendo una recrudescenza della criminalità minorile che ha pochi precedenti. La rissa di ieri sera è solo la goccia che fatto traboccare il vaso in una città fuori controllo. Da anni stiamo denunciando che il mancato intervento di autorità politiche e civili, in special modo per chi delinque su auto e moto, sta portando ad situazione degenerante. Basti pensare che incontrollati si corre a più non posso in varie strade cittadine. Nelle sere scorse un giovane non identificato perchè in possesso di casco, con un mezzo da motocross, rumoroso a più non posso, invadeva a tutta veleocità le isole pedonali, il lungomare, le strade di ogni ordine e tipo. Fra l’altro copre la targa con il cartone o porta un passeggero con le mani sulla targa. Semina il panico e spesso sale dalla piazza a via Carmine Rossi a tutta velocità. Basta guardare le telecamere del centro per individuarlo.

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: