25 Febbraio 2024

AGROPOLI,CARABINIERI IN AZIONE ALL’ALBA 25 ARRESTI

 

COMUNICATO STAMPA DEI CARABINIERI

Dalle prime ore di questa mattina, i carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale di Salerno stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal GIP di Salerno su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 25 soggetti indagati per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti, utilizzo indebito di carte di credito e riciclaggio degli illeciti proventi nonché di minacce aggravate dal metodo mafioso. Al centro delle investigazioni le attività criminali di appartenenti ad una comunità ROM che, da numerosi anni, vive ad Agropoli. L’indagine ha documentato come il gruppo fosse dedito all’esecuzione di furti con destrezza ai danni di gioiellerie poste su tutto il territorio nazionale, furti all’interno di autovetture e all’utilizzo indebito delle carte di credito asportate. Le investigazioni hanno accertato anche una serie di gravi minacce nei confronti sia di appartenenti alle Forze dell’Ordine sia di amministratori pubblici della cittadina cilentana. I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà, alle ore 10.00 odierne, presso la Procura di Salerno.  

IL BLITZ

I militari cilentani agl’ordini del cap. Francesco Manna, a seguito di un blitz condotto alle prime luci dell’alba di stamane, hanno eseguito 25 in tutto le misure cautelari eseguite nell’ambito di un’operazione complessa, durata diversi mesi e coordinata dalla DDA della Procura della Repubblica di Salerno e condotta dagli uomini del NORM guidato dal m.llo Carmine Perillo: 11 le persone finite in carcere, 7 ai domiciliari, 3 obblighi di dimora e 4 obblighi di dimora e firma: in cella sono finiti i due capi storici del clan, ovvero Antonio Dolce (detto Capone) ed Enzo Cesarulo(detto ‘o cavallaro), Anna Cesarulo, Carmine Dolce, Antonio Dolce, Donato Marotta, Fiore Marotta, Silvana Marotta, Anna Petrilli, Vito Marotta (’90), Vito Marotta (’92) e Vito Marotta (’83).

COMUNICATO STAMPA DEI CARABINIERI

About Author