21 Maggio 2024

CAPACCIO PAESTUM,IMPRENDITORI IN PRESSING SU PALUMBO E LA GIUNTA NON PARTE

La pressione sul maresciallo è forte.La giunta rimane ancora monca di due caselle dopo la nomina della Palmieri a vice sindaco addirittura senza aver preso nemmeno un voto ma è evidente che è una cambiale politica che Palumbo deve azzerare verso il padre Tonino Palmieri uno dei grandi elettori del sindaco.Stessa cosa per il generale Troncone(non ha preso nemmeno un voto come la palmieri) chiamato perchè esperto e perchè nessuno sa leggere nei conti e nei bilanci del comune quindi si tratta di una scelta pilatesca e quella di Franco Sica grande persona nel lavoro e nella famiglia ma etichettato come il grande traditore e inaffidabile amministratore il quale mentre faceva l’assessore con Voza pensava come tradirlo insieme a una cupoletta di amici che vanno pizzolando qua e la.Due posti vuoti dunque nell’esecutivo guidato da Palumbo il quale sarà sicuramente egemone nelle scelte.Due posti per i quali tante  sono le pressioni sul sindaco da parte di imprenditori che lo hanno appoggiato e che ora bussano alla porta per avere i loro uomini in giunta.Per questo motivo si annuncia un turn over costante con la porta girevole nella sala della giunta e con il fiato dei grandi imprenditori capaccesi sul collo.Molto attento e attivo è Palumbo in questa fase di avvio e quindi anche molto travagliata sperando,per il bene di Capaccio Paestum,che non gli venga il fiatone.E’ evidente che i primi risultati il sindaco deve cominciare a farli vedere dopo 6 mesi non subito ma è anche vero che non ha trovato un paese allo sfascio,tutt’altro. Ora Palumbo deve stare attento a quelli come PaganoRagni e allo stesso Sica che prima fa fuori e meglio è per lui altrimenti avrà seri problemi.Questi personaggi si sono candidati e a parte Pagano che ancora deve chiarire pubblicamente la vicenda dei 100.000 euro sono stati bocciati.Sica e Ragni sono stati mandati a casa dall’elettorato perchè hanno concorso a fare il sindaco e non hanno raggiunto il ballottaggio dovrebbero dimettersi subito come ha fatto Voza il quale anche in questo,nella sconfitta,ha dato lezione di stile e di politica.La giunta dunque stenta s avere un suo completamento e questo deve far capire quando difficoltà il maresciallo sta avendo nel cominciare.La gente ha votato Palumbo e chi sta dietro deve capirlo.E come volevasi dimostrare con gente come Ragni,Sica,Pagano e qualche altro i problemi sono all’ordine del giorno.Ma non ci voleva la zingara per capirlo è un fatto noto.  Sergio Vessicchio

About Author