21 Maggio 2024

L’AGROPOLI IN CORSIA DI SORPASSO

Dopo il mezzo allenamento effettuato contr la Virtus Cilento ad Ascea su un campo di patate,vergognso, alle soglie del 2022 la settimana che porta alla sfida con il Salernum di Baronissi è scandita da un refrain che rimbalza negli ambienti agropolesi, sorpasso. Contro la formazione di Castiello l’Agropoli ha vinto, domenica scorsa per 5-2 soffrendo oltre il dovuto un terreno di gioco inopportuno e impresentabile rispetto al calcio moderno anche dilettantistico. Yeboha ha segnato una doppietta giocando con rilassatezza e perfezionando l’intesa con Margiotta. Il centravanti in settimana aveva compiuto il suoi 40 anni ma non li dimostra affatto, e non solo nel campo. Le sue pupille azzurre sono lo specchio del colore dei delfini di cui è bandiera e capitano. E’ troppo importante per lo scacchiere di Cianfrone la sua presenza in campo. In goal poi ci sono andati anche Natiello di testa, Monzo alla sua seconda segnatura stagionale e Masocco.

L’Agropoli è in corsia di sorpasso, a un solo punto di distacco dalla prima San Marzano ma domenica ha un turno favorevole, la capolista ospita l’Angri squadra forte e blasonata mentre i delfini giocano contro il Salernum di Baronissi squadra da non sottovalutare capace di affondare i suoi colpi sul campo della Calpazio. Nell’Agropoli l’asticella è alzata grazie a Costantino e Yebhoa, i due stanno dando prova che per loro il campionato di eccellenza è molto stretto. Poi una rosa sicuramente buona anche per un ottimo piazzamento in serie D. Due centrali fortissimi, 6 centrocampisti uno più forte dell’altro, una prima linea di qualità eccelse, oltre a Yebhoa e Margiotta Bacio, Rochi, Vitelli costituiscono elementi di grande affidamento e di consolidata capacità di fare bene. I due esterni più forti del campionato Maiese e Matrone, una squadra formidabile. Forse la rosa degli under lascia a desiderare, a parte Trabelsi e Grieco non ci sono altri elementi in grado di ben figurare. Gli ultimi due tesserati Juan Josè Duco e Miguel Alba dovrebbe arricchire una rosa di per se già molto competitiva. Il Salernum Baronissi avrà defezioni importanti ma non per questo è meno incisiva, si tratta di una compagine di tutto rispetto. Sergio Vessicchio

About Author