I goal arrivati tutti e due nell’ultimo quarto d’ora sono la dimostrazione che i deldini sono stati sempre in partita dimostrando forza e dimestichezza in una categora difficile e in un campionato dove tutte le squadre sono organizzate come il Caatel San Giorgio di oggi che lascia il campo a testa alta consapevole di aver ben tenuto testa,per circa un’ora,  all’ex capolista Agropoli. Le azioni pericolose nel primo tempo sono quasi tutte del Castel San Giorgio, i locali sfiorano il goal in più circostanze con Delle Donne di testa l’azione più clamorosa insieme ad un pallone di Gaston Grande ex fresco dopo un errore nella ripartenza dal basso di Paparella, il tiro del giocatore uruguaiano sfiora il palo.  Paparella però s’inarca poco dopo per toccare quel tanto da deviiare il corso del pallone dopo un tiiro eccezionale di Ferrentino. Il piplet saprese ha compiuto un’autentica prodezza.A centrocampo, guidati da un grande Ferrentino e da un redivibvo Chiavazzo i locali esercitano una netta superiorità, l’Agropoli presenta un Monteiro sotto tono e solo la grande forza di De Sio migliore in campo largamente insieme a Padovano e Natiello formato super tengono botta agli agresi.

 

I delfini nel primo tempo protestano per un bel goal annullato in avvio Abayian, l’imbeccata di Nateillo è al bacio ma la zampata dell’attaccante argentino è troppo bella, palla in rete ma in fuori gioco. Protestano per un rigore netto su Natiello e per un goal fallito da Maiese il quale lascia il campo a pochi istanti dalla fine della prima frazione di gioco per un risentimento muscolare in seguito ad un intervento. L’ingresso in campo di Padovano è strepitoso. Nella ripresa parte subito forte l’Agropoli sfiora per due volte il goal in special modo da Abayian e con Padovano poi subiscono il ritorno del Castel san Giorgio il quale con il tempo cala e sale in cattedra l’Agropoli trascinata da uno strepitoso Padovano schierato a sinistra basso e un sontuoso De Sio. Infimo, peggiore in campo fino a quel momento riceve palla sulla lunetta spalle alla porta e poi si gira, il suo rasoterra da sinistra verso destra sembra debole e sotto controllo del portiere e invece entra in rete e il risultato si sblocca inaspettatamente e con un giocatore atteso e mai arrivato al momento. Poco dopo lo stesso Infimo, dopo un’azione travolgente di Padovano a sinistra, batte a rete in maniera sicura il portiere respinge con una gran parata, sul conseguente calcio d’angolo arriva sul secondo palo Padovano e da distanza ravvicinata mette in rete con un testata precisa, 0-2 . La testolina di Padovano che espone quel visino simpatico e serioso mette fine alla partita perchè il ritorno finale dei locali è frenato prima da una parata da campione di Paparella il quale toglie dal set un calcio di punizione capace di riaprire la partiita. Il fischio finale è un concentrato di emozioni per una partita difficile e problematica che tiene in gioco l’Agropoli e i suoi protagonisti. Per il castel san Girogio questa partita doveva avere sorte migliore per come ha giocato. Sergio Vessicchio

LE PAGELE

Paparella 7,5 due parate da campione, una per tempo, un’ordianaria, forse straordinaria, amministrazione eccezionale e un controllo della difesa a largo raggio . Ogni partita che passa assume i connotati del portiere vero, quello bello da vedere e sicuro nei pali, stile da vendere e imponebnza nella porta. Se smette di rimettere in gioco con la ripartenza dal basso, di  vedere la televisione e fa molto meno scena ne guadagna anche perchè quei portieri che intende copiare nelle movenze sono meno bravi di lui.

Pollio 6,5 partita accorta e senza sbavature, ha interpretato il ruolo nel migliore dei modi.

Maiese 6 ha giocvato un tempo con incisività, è andato vicino al vantaggio poi è uscito. Padovano 8 strepitoso per come è entrato in partita, per come ha saputo trasformare le azioni difensive in offensive, per il goal e per il suo agonismo, bellissimo vederlo giocare, ricordiamo che per rendimento è stato il migliore del girone di andata.

Monteiro 5 non ha il passo, non ha l’intelligenza calcistica, non sa cosa è il ruolo di play basso. Bocciato.

Follera 7 attento e dinamico ha reso la difesa compatta, un vero leader

Vuolo 7 ottima partita, sta crescendo e oggi ha dimostrato in più circostanze di saper tenere il passo di Follera

Urruty 5 mai in partita  in un ruolo non suo

De Sio 8 non si stanca mai, non si ferma mai, entra sempre con la tempistica giusta, scarica di precisione e copre con autrorevolezza.

Abayian 4 non pervenuto

Natiello 7,5 entra in tutte le azioni dell’Agropoli, detta i ritmi e fa quello che deve fare per tenere la squadra in partita nei momenti difficili.

Infimo 6 per la gioia di Nicola Volpe si è sbloccato però in tutta la partita di bello c’è stata solo l’esultanza dopo il goal. Il resto è da dimenticare.

 

 

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js