AGROPOLI

L’UNICO VINCITORE di Enrico Serrapede

La stagione sportiva agropolese 2016/2017 non è partita nel migliore dei mondi e molto probabilmente finirà anche peggio. L’Agropoli Basket è praticamente retrocessa per scelta mentre quella calcistica ci prova, lotta ma l’obiettivo resta davvero lontanissimo. In un palcoscenico largamente mediocre spunta però il nome di Ciro Ruggiero già fondatore della Cilento Basket Agropoli e oggi presidente della Cuore Napoli Basket. Proprio questa seconda ha come obiettivo il ritorno sul gran palcoscenico cestistico italiano della città di Napoli.Attualmente la Cuore Napoli è prima in classifica in B e inoltre ieri ha potuto festeggiare la vittoria della Coppa Italia, traguardo che sfumò al Basket Agropoli. Non è un paragone, sia chiaro, oggi non è il tempo dei paragoni. Oggi è giusto celebrare l’ennesima impresa di questo personaggio che nel basket sta mettendo tutta la sua passione oltre che chiari sforzi economici. Ciro dopo varie peripezie ha dovuto portare, con successo, la sua passione a Napoli. Una scelta senza dubbio coraggiosa, in una piazza importante e difficile da gestire. Un’avventura però che ad oggi il presidente Ruggiero sta stravincendo alla grande, con merito e con giustezza. Napoli già lo ama ma d’altronde con il suo carattere non poteva non essere amato dalla capitale campana.

Nella tre giorni di Coppa Italia c’è spazio anche per Njegos Visnjic, agropolese d’azione e fedelissimo di Ciro. Njegos sta mettendo in questa avventura napoletana tutta la sua esperienza e professionalità. Ragazzo disponibile, educato e di cuore oltre a cestista di qualità indubbie.Anzi probabilmente poteva ambire anche a una carriera nelle serie maggiori. Per Njegos è l’ennesimo successo di una carriera comunque già importante, festeggiato col solito sigaro durante la premiazione.Enrico Serrapede www.agropolisportmag.it

admin
Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.