Il maltempo concede una tregua, almeno per qualche ora. Dalle sei cessa l’allerta meteo sull’intero territorio regionale. Sono state ore difficili, le ultime, specialmente nel Cilento. Dove è partita la conta dei danni dopo le forti piogge di sabato. A Castellabate sono stati sgomberati – precauzionalmente – 10 edifici, di cui due abitati. Si trovano su un tratto di strada compromesso da frane e smottamenti. Sempre a Castellabate, il Comune ha chiuso tutte le scuole fino a martedì incluso. Stesso provvedimento ad Agropoli dove la chiusura è fino a mercoledì e riguarda anche gli impianti sportivi.

Lasciando la costa, in direzione degli Alburni, sulla provinciale , è stato necessario interrompere la circolazione sul ponte Calore, minacciato dalla pressione dell’acqua a causa di un’ostruzione.

“Ancora una volta siamo davanti ad eventi climatici estremi che mettono a repentaglio la vita dei cittadini causando gravi danni al territorio” dice Legambiente. Secondo il report Città Clima 2022, in Campania nell’anno in corso sono stati registrati già 12 eventi estremi.

In Cilento, tra Agropoli e Castellabate, i due comuni più colpiti dagli ultimi nubifragi, sono stati consegnati cinquemila sacchi di sabbia in vista della nuova ondata di maltempo. Arrivate in queste località anche 50 brandine con lenzuola e coperte nel caso in cui il Comune decidesse di procedere all’evacuazione di alcune abitazioni.

Complessivamente in questi due giorni sono stati circa 300 i volontari regionali impegnati con mezzi speciali (idrovore, pompe, moduli idrogeologici, escavatori, gommoni, torri faro e bobcat) per riportare la situazione alla normalità.

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: