22 Febbraio 2024

STAMANE DE LUCA HA INAUGURATO L’OSPEDALE MODULARE DI SALERNO E SI E’ DIMENTICATO ANCORA DI AGROPOLI ORA CI SONO I MEDICI

Una cosa insopportabile e ormai senza alcuna risposta.Il governatore della Campania De Luca questa mattina ha inaugurato l’ospedale modulare di Salerno vicino al Ruggi .

C’erano i vertici dell’azienda ospedaliera, il sindaco e il consigliere per la sanità Coscioni – oltre naturalmente al personale medico e sanitario – ad accogliere questa mattina il presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca a Salerno. Il governatore ha voluto “inaugurare” l’ospedale modulare allestito all’esterno del Ruggi.

Realizzato in poche settimane, a regime ospiterà 24 posti di terapia intensiva per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Un tour veloce, quello del presidente De Luca, che ha voluto rendersi conto di persona del cantiere ultimato. Quello di Salerno è un ulteriore tassello, nel piano della Regione, sul fronte dell’assistenza sanitaria per quanto riguarda il coronavirus. 

Per fortuna l’emergenza di marzo è alle spalle ed ora la situazione è molto più gestibile, ma l’obiettivo è farsi trovare pronti soprattutto in vista dell’autunno. Il governatore ha avuto anche un colloquio con i vertici dell’azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” per fare il punto della situazione relativamente a Salerno e alla sua provincia.

Questa struttura è praticamente uguale a quella di Agropoli sia per numero di posti letto sia per quanto riguarda le strutture.La cosa inquietante e che De Luca non ha mai citato la struttura di Agropoli durante i suoi interventi e non si comprende bene il perchè o forse si intuisce.C’è di più.Ci sarebbero anche i medici già pronti per prendere possesso dei reparti.Una cosa però fa ben sperare per l’apertura non certo per il futuro sanitario,De Luca questa mattina ha dichiarato: ” Dobbiamo farci trovare pronti per la nuova emergenza prevista in autunno”.In pratica ha detto che tornerà l’ondata e servono strutture e quindi si sottintende la prossima apertura dell’ospedale di Agropoli.Altrimenti nulla avrebbe senso.

About Author