30 Maggio 2024

US AGROPOLI, ALFIERI E CERRUTI CONTRO FRANCO DI BIASI

Nascondersi dietro Franco Di Biasi ci sembra un pò troppo pretestuoso e forse ingannevole per come stanno andando le cose. Ma ora il presidente del consiglio comunale, inviso a tutto l’ambiente calcistico  di Agropoli, rappresenta la classica foglia di fico dietro alla quale si vogliono nascondere. In questo momento Franco Alfieri e in special modo Cerruti ,sono contro alla presenza di Di Biasi in società, sono contro la sua iniziativa di voler cercare di aiutare, sono contro la sua persona, ne dicono di tutti i colori e alcune sono cose irripetibili, sia il presidente della provincia che l’ex presidente ci vedono del marcio, non si fidano di Franco  Di Biasi e dicono apertamente che non hanno gradito la sua intrusione. Questo Franco Di Biasi lo sa impegnato a mettere le mani sull’Agropoli suo antico prurito e mira a rompere il progetto di Cerruti che vede il gruppo di imprenditori messo insieme da Alfieri intorno al quale Cerruti in maniera molto esterna ma con un suo uomo(Ugo Schiavo) darebbe una mano a latere, senza impegni. Il tergiversare di Cerruti ha fatto inserire  non solo Franco Di Biasi ma anche i solti noti  sciacalli senza nemmeno un soldo in tasca e senza nessuna competenza di fare la solita sceneggiata: ” Dobbiamo salvare l’Agropoli siamo i tifosi” e nascondendosi dietro questa barzelletta e dietro gli ultras (gli unici che vogliono bene All’Agropoli seriamente) vogliono mettere le mani sull’Agropoli come hanno fatto in passato scegliendo una tempistica precisa per poi portare l’Agropoli sull’orlo del fallimento e se non ci fosse stato Cerruti in quel momento sarebbe fallita. Si sta perdendo tempo per colpa di Cerruti naturalmente Nicola Volpe ha il piano b e va avanti una volta avute altre garanzie che stanno arrivando.

IL SOSPETTOSO COMPORTAMENTO DI FRANCO DI BIASI

Per quale motivo, con tante cose da fare e con un ruolo anche impegnativo il presidente del consiglio comunale si prende la briga di intromettersi nelle vicende dell’Agropoli. A noi ha detto testualmente: ” Io sono un politico ed ho il dovere di controllare come vanno le cose nella squadra della mia città e lo farò sempre”. Questo è un atteggiamento giusto poi perché, in maniera morbosa e sospetta, insiste inserendosi in situazioni dove non dovrebbe entrare per cercare di far saltare il cartello. Chi copre Franco Di Biasi? Chi sono i soci occulti di Di Biasi ritenuto da tutta Agropoli molto pericoloso per l’Agropoli e i fatti attuali lo dimostrano. Cerruti ha la grave colpa di aver accentrato e poi di aver fatto scadere la cosa favorendo “il dibiasismo “. Franco Di Biasi sa bene che Cerruti non lo sopporta e l’altra sera lo ha telefonato con l’obiettivo di  stizzirlo e di farlo ancor di più allontanare dall’Agropoli ma dicendogli tutt’altro. La posizione pubblica di Cerruti è chiara quella non pubblica, come sempre è nebulosa e piena di tranelli. Cerruti pubblicamente ha dichiarato di non essere interessato all’Agropoli ma di voler dare il suo congruo contributo economico come ha fatto sempre. Questo però stride con i movimenti dello stesso Cerruti il quale ha pagato l’iscrizione e ha fatto la fidejussione per il ripescaggio poi non avvenuto.

L’ASSENZA DEL SINDACO

In altre circostanze i sindaci Alfieri e Coppola avevano chiamato gli imprenditori e i titolari della squadra per mettere insieme il tutto, Mutalipassi ha promesso 20.000 euro di contributi per la squadra ma non ha mai chiamato Cerruti ne Alfieri per verificare quale fosse la situazione e secondo Alfieri ma anche Cerruti ci sarebbe la mano di Franco Di Biasi sull’immobilismo del sindaco, Cerruti pensa ad un Di Biasi manovratore per favorire situazioni poco chiare e poi perchè è molto vicino ad Infante ex presidente onorario. Per molti dietro Di Biasi ci sarebbero anche gli sciacalli pronti a mettere le mani sull’Agropoli con la solita scusa” Siamo i tifosi dobbiamo salvare l’Agropoli” gente che non va mai allo stadio e che, come abbiamo scritto in precedenza, non ha i soldi nemmeno per campare le proprie famiglie e si sa l’Agropoli è un bersaglio ghiotto per “arrotondare”. Di Biasi, secondo Cerruti ma non solo, si serve di questa gente e di queste manovre per rompere l’Agropoli. Non sfugga l’asse con Gennaro Russo il consigliere comunale con il quale sta facendo accordi politici per altre vicende e come sempre punta all’Agropoli per i motivi ben noti in città e in procura. Incalzato  da noi poche ore fa al telefono ha detto: ” Io non sono interessato all’Agropoli, non mi interessa e non voglio nessun ruolo dirigenziale ne altro, questo sia chiaro sto svolgendo solo il mio ruolo di controllo da politico”.

L’MMEDIATEZZA

Sono usciti i gironi di coppa Italia e l’Agropoli giocherà con la Calpazio il 27 fuori casa mentre in casa affronterà il Sapri il 30 agosto. Molto probabilmente si allestirà una squadra di tesserati con alla guida Franco Villani come indicato dal presidente Nicola Volpe ancora in contatto con Alfieri e con gli imprenditori pronti a sostenerlo con Franco Alfieri in prima persona. Sulla questione Cerruti avremo modo di parlarne, vedremo se rompe il silenzio e se la smette di portare a spasso la gente alla sua maniera, perché prima o poi ci sarà chi porterà a spasso lui. Sergio Vessicchio

About Author