21 Giugno 2024

OGGI E’LA GIORNATA MONDIALE DEDICATA AI DISTURBI DELLA NUTRIZIONE E DELL’ALIMENTAZIONE,INTERVISTA ALLA DOTTORESSA ANNAMARIA MILILLO

I disturbi dell’alimentazione sono patologie psichiatriche complesse che determinano un importante disagio psicologico ed emotivo, danni alla salute e alla qualità di vita.
Colpiscono prevalentemente le donne anche se negli ultimi decenni si è registrato un aumento di casi tra gli uomini. Possono comparire a tutte le età e, nonostante il picco si individui tra i 15 e i 24 anni, negli ultimi tempi si è riscontrato un aumento di questi disturbi in età preadolescenziale, tra gli 8 ei 12 anni, con una prognosi peggiore. In Italia affliggono all’incirca tre milioni di persone. Sono tra le dieci principali cause di disabilità nelle giovani donne.
Rappresentano la seconda causa di morte tra le adolescenti di sesso dopo gli incidenti stradali e la prima causa di morte tra le malattie psichiatriche. Anoressia, bulimia e binge eating disorder sono quindi disturbi complessi, per l’enorme sofferenza che procurano a chi ne soffre e ai familiari, per la sospensione della vita che determinano per la negazione della malattia e rifiuto del trattamento anche in condizioni di grave rischio per la propria vita determinato da danno agli apparati quale quello cardiovascolare, gastrointestinale, endocrino, ematologico, scheletrico, sistema nervoso centrale. Noi ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Annamaria Milillo Biologa Nutrizionista e Dottore di Ricerca in Genetica con Studio di Nutrizione in Via F.Petrarca 3, Agropoli (SA). (foto)

Oggi, 15 marzo, è la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, dedicata ai Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione.Fiocchetto Lilla


“E’ una giornata molto importante. E’ il simbolo della sensibilizzazione e dell’impegno rivolto ai Disturbi Alimentari, un insieme di Disturbi molto diffusi purtroppo nel nostro paese. La giornata è stata fondata nel 2012 dall’Associazione “Mi nutro di vita”, dedicata ad una ragazza Giulia che è venuta a mancare purtroppo per problemi legati alla Bulimia.”


Che cosa sono i Disturbi del Comportamento Alimentare?


“I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono patologie psichiatriche complesse, riportate nel “Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5”. Sono disturbi caratterizzati da alterate abitudini alimentari che spesso determinano un importante disagio psicologico ed emotivo, danni alla salute e alla qualità della vita.In particolare, ad oggi i disturbi alimentari sono riconosciuti come Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa, Disturbo da Alimentazione Incontrollata e altri Disturbi dell’alimentazione. Nonostante i progressi della scienza, ad oggi si ha ancora molta difficoltà nel riconoscere e nel diagnosticare un Disturbo Alimentare.”

Quali sono le persone più colpite dai DCA?


“I DCA colpiscono tutte le fasce di età ed entrambi i sessi, ma ad oggi, gli studi riportano che le donne in età adolescenziale, tra i 15 e i 24 anni, sono le più colpite. In più, è stato riportato ultimamente dal Ministero della Salute, un aumento del 30% dei casi a causa della pandemia e lockdown che purtroppo stiamo vivendo.”


Perché sono colpiti di più gli adolescenti?


“Nella nostra società, purtroppo, gli adolescenti sono sovraesposti ai mezzi multimediali. Dai social ai programmi televisivi, le immagine mediatiche trasmesse riportano un’immagine corporea spesso irreale, che sempre di più influenza l’idea di bellezza / di corporeità dei giovani e questi messaggi, purtroppo sbagliati, possono sicuramente influire e favorire la manifestazione dei Disturbi Alimentari.”

Come vengono riconosciuti i DCA?

“I DCA sono patologie complesse. Le cause quindi sono multifattoriali, associate a fattori genetici, individuali, familiari, psicologici o ambientali. Tutti i Disturbi Alimentari, però, condividono alcune caratteristiche molto importanti per poter porre una diagnosi, ad esempio l’eccessivo controllo del peso e della forma del corpo. In particolare, le persone colpite tendono a valutare se stesse, prevalentemente e spesso esclusivamente, sulla base di queste due caratteristiche.
Le espressioni più tipiche dei DCA, infatti, riguardano il controllo costante del peso, il check continuo del proprio corpo, l’evitamento del corpo, il sentirsi grassi, la continua ricerca della magrezza e la paura di aumentare di peso.”

Come e dove si curano i DCA?

“Ad oggi, il trattamento d’elezione è basato sull’equipe multidisciplinare in cui sono incluse diverse figure professionali, quali medici psichiatri, psicologi /psicoterapeuti, nutrizionisti/dietisti, pediatri. In ogni Regione del nostro Paese, sono disponibili cinque livelli di assistenza che sono da considerare elementi di una rete assistenziale: 1. Medico di medicina generale/pediatra di libera scelta ; 2. Terapia ambulatoriale intensiva o semiresidenziale; 3. Riabilitazione intensiva residenziale; 5. Ricoveri ordinari e di emergenza.”

Quanto è importante fare prevenzione ?

“La prevenzione per i DCA è molto importante. La prevenzione, infatti, comprende i diversi interventi sanitari che cercano di ridurre l’insorgenza o le conseguenze negative di un determinato disturbo. Quindi, attraverso una buona educazione e sensibilizzazione del problema sicuramente possono essere ridotti i fattori di rischio che contribuiscono a sviluppare i DCA.”

Quali sono i consigli che lei da ai lettori?

“Bisogna chiedere aiuto. Ad oggi ci sono sempre più centri specializzati nella cura dei DCA. Il percorso di cura può essere difficile e lungo, ma ad oggi, grazie alle varie figure specializzate, si può guarire.”Sergio Vessicchio

About Author