Se dovessero riaprire le scuole la stagione turistica se ne andrebbe a farsi benedire con quello che ne consegue. L’Italia sta pagando, senza mezzi termini la riapertura delle scuole. A Ottobre si è passati in 15 giorni da un eccesso all’altro. Il 6 ottobre 2677 nuovi casi e 28 morti (Fonte repubblica.it clicca qua), al 20 ottobre: nuovi casi 10.874 su 144.737 tamponi, 89 morti (fonte repubblica.it clicca qua), 31 ottobre: 31.758 casi e 297 morti.(fonte repubblica.it clicca qua) ,15 novembre 33.979 positivi e 546 morti (fonte repubblica.it) e così via dicendo fino ad arrivare ad oltre 40.000 quasi 1000 morti quotidiani, e poi ad un sostanziale calo dopo che a inizio dicembre hanno richiuso le scuole. E quindi a terza ondata tra fine gennaio e adesso con le scuole aperte si è ripiombati nei numeri da capogiro. Ormai è evidente, basta dare uno sguardo su internet e si nota come con la riapertura delle scuole si ha un impennata di contagi, di morti e di ospedali collassati.

Davanti a questi numeri, con una evidenza scientifica di questa portata ancora pensano a riaprire le scuole. Sono degli assassini se davanti a questi numeri fanno ripartire i contagi. la situazione attuale deriva solo ed esclusivamente dalle scuole aperte anche se non si tratta della sola situazione di contagio, ma di certo è la più pericolosa e di facile trasmissione. Vi sono 30 persone in un ‘aula per 5 ore, non si scherza. oltre a tutto il contesto fuori dalla scuole che veicola poi all’interno. Se Draghi si mette sullo stesso livello di Conte e della Azzolina che andrebbero indagati per strage per la riapertura delle scuole l’Italia può chiudere i battenti. La scuola ha condizionato la pandemia in Italia, ora per vaccinare il personale scolastico ,non gli studenti, hanno tolto i vaccini agli anziani e le morti quotidiani sono angoscianti, da 300 a 500 al giorno in media. La riapertura delle scuole farebbe saltare l’estate perchè si arriverebbe matematicamente a circa 40.000 contagi quotidiani e per l’estate l’Italia dovrebbe avere restrizioni enormi con regioni ancora suddivise in colori. Se Conte e la Azzolina con Speranza, che continuiamo a sostenere sono dei criminali, facevano parte del governo degli incapaci, Draghi ha spessore ed esperienza,e coscienza e non può commettere l’errore di riaprire le scuole, fermo restando che il contagio si può prendere ovunque, ma le scuole sono troppo pericolose, non lo diciamo noi, lo raccontano i fatti. Sergio Vessicchio

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: