12 Luglio 2024

STOP AL GRAN CALDO IN ARRIVO TEMPERATURE FRESCHE E QUALCHE TEMPORALE

Per l’ultima parte della settimana, la tendenza meteo conferma l’ingresso nel Mediterraneo centrale di una saccatura di bassa pressione colma di aria più fresca che smorzerà il caldo a iniziare dalle regioni centro-settentrionali e con temperature che entro domenica, dopo un lunghissimo periodo di anomalie positive anche estreme, si potranno portare su valori leggermente sotto la norma anche nelle regioni meridionali. Si tratterà di una parentesi temporanea con un rialzo termico atteso già tra martedì e mercoledì della settimana prossima.
La perturbazione a essa associata – la numero 2 di agosto, che si sarà già affacciata al Nord nella giornata di giovedì –, potrà determinare episodi di instabilità anche intensi, collegati ai forti contrasti termici tra la calda massa d’aria preesistente e quella più fresca in arrivo.

In particolare, venerdì 4 agosto il fronte instabile raggiungerà anche le regioni centrali, innescando una veloce passata di temporali anche violenti (possibili grandinate e forti raffiche di vento) in molte zone, specie tra bassa Toscana, Umbria e Marche. Il tempo rimarrà molto instabile anche al Nord con i rovesci o temporali, localmente intensi, più diffusi tra Liguria, Lombardia e Triveneto. In serata qualche rovescio o temporale potrebbe raggiungere anche la Campania e la Sicilia settentrionale. Sensibile calo termico verso valori anche sotto le medie stagionali al Centronord e in Sardegna dove il fresco Maestrale in serata diverrà anche forte.

Sabato 5 agosto alcuni temporali e l’aria fresca, sospinta da moderati o tesi venti di Maestrale, si propagheranno rapidamente anche al resto del Sud. Al Centro, intanto, episodi di instabilità saranno ancora possibili inizialmente tra le zone interne e quelle del versante adriatico.
Entro la fine del giorno il fronte si allontanerà verso i Balcani ponendo le basi per una domenica probabilmente stabile e dalle temperature che risulteranno contenute per il periodo un po’ dappertutto. Potranno fare eccezione le Alpi centrali e il Nord-Est, dove potrebbe transitare rapidamente un altro impulso perturbato. Per una conferma di questa tendenza e maggiori dettagli seguite quindi i prossimi aggiornamenti.

About Author