La caserma di Santa Cecilia

Ancora una operazione difficile e piena di insidie del comando stazione carabinieri di Santa Cecilia di Eboli, a seguito di mirato servizio teso al contrasto dello spaccio di sostanza stupefacente nell’area di Campolongo traeva in arresto cittadino marocchino B. A. Classe 1994, pluripregiudicato, con precedenti specifici in materia di spaccio di stupefacenti. Lo stesso veniva tratto in arresto in flagranza di reato nel mentre effettuava una cessione di stupefacente a carico di due soggetti che si erano portati sul posto per acquistarla e precisamente 10 grammi di cocaina e 10 grammi di hashish. Si tratta dell’ennesimo arresto posto in essere dai militari di Santa Cecilia in materia di stupefacenti, in un territorio devastato dallo spaccio e considerato uno dei posti migliori dai consumatori per la facilità in cui viene reperita tale sostanza, il tutto, gestito da cittadini extracomunitari, i quali sull’intera area costiera la fanno da padrone. Il soggetto dopo le formalità di rito è stato associato alla casa circondariale di Salerno Fuori, così come disposto dal magistrato di turno presso la procura di Salerno in attesa del rido direttissimo. La caserma di Santa Cecilia occorrerebbe di altre unità per il grande lavoro in cui i miliatari dell’arma sono costretti ad operare. Il territorio vasto, la pericolosità delle operazioni, il grande movimento di droga e di altro pongono la caserma del carabinieri di Santa Cecilia tra le più impegnate a tutti i livelli.

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: