POLLA. Resta senza colpevoli la rapina commessa in un motel di Polla il 6 novembre del 2019. Tre delle quattro persone arrestate all’epoca dai carabinieri, infatti, sono state assolte “perché il fatto non sussiste” dal Tribunale di Lagonegro. Finiti a processo con giudizio immediato per l’evidenza delle prove fornite dagli inquirenti, per loro è arrivata dunque la sentenza di assoluzione, in primo grado, dopo 4 ore di Camera di Consiglio dei giudici. Si tratta di uno dei due fratelli di origine brasiliana accusato di essere tra gli autori materiali del colpo, e di due basisti, una donna di 36 anni e di un 40enne albanese, tutti domiciliati a Polla. A difenderli nel procedimento penale gli avvocati Damiano Cardiello e Fortunato d’Arista. L’altro fratello scelse, invece, un rito alternativo. La Procura lucana aveva chiesto la condanna di tutti gli imputati, rispettivamente a 9, 7 e 6 anni di detenzione. Per i due fratelli, in cella dal giorno dell’arresto, è stata disposta dunque l’immediata scarcerazione.

I quattro presunti complici finirono in manette con l’accusa di essere gli artefici, in concorso, della rapina a mano armata nel motel ‘Tempio’ in Via Annia a Polla, dove i banditi fecero irruzione a volto coperto e pistole in pugno poco prima di mezzanotte, portando via denaro contante, tabacchi e gratta e vinci per complessivi 15mila euro, dopo aver minacciato e immobilizzato con delle fascette il barista, sottraendogli le chiavi per accedere agli uffici chiusi. Esattamente a tre anni di distanza, dunque, la rapina resta ancora senza volti né nomi. Fonte stiletv

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js