21 Luglio 2024

VALLO DELLA LUCANIA, LA GUARDIA DI FINANZA SCOPRE UNA SOCIETA’ FANTASMA

Operazione”credito magico”, la  guardia di finanza scopre una società fantasma con sede a Vallo della Lucania. La procura della città cilentana dispone sequestri per 8 milioni di euro ad un 50enne della provincia di Modena. La frode era organizzata incassando falsi crediti iva che venivano ceduti a terzi operatori economici. Fra i beni sequestrati dalle fiamme gialle una Hummer ed un orologio di pregio, da soli valevano più di 200.000 euro.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca per equivalente, nei confronti di una società ‘fantasma’ cilentana. I finanzieri della Compagnia di Vallo della Lucania, coordinati dall’autorità giudiziaria vallese, hanno eseguito approfondimenti finalizzati alla verifica della posizione fiscale di un’impresa con sede nel predetto Comune. All’esito di preliminari riscontri, si è subito rilevato che, presso l’indirizzo formalmente dichiarato, la società è risultata essere inesistente, nonostante, per l’anno 2019, avesse dichiarato un credito I.V.A., risultato essere fittizio, per oltre 8 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle, attraverso una dettagliata analisi della società, sono riusciti a risalire ed identificare il responsabile della frode milionaria realizzata ai danni dell’erario, risultato essere il rappresentante legale pro tempore dell’azienda, residente in Emilia Romagna. Nello specifico, l’amministratore, in un brevissimo lasso di tempo ha realizzato, con la complicità di alcune ditte del centro-nord Italia, molteplici ed irragionevoli operazioni societarie, quali cessioni di quote sociali e di rami aziendali, con lo scopo di creare falsi crediti I.V.A., successivamente ceduti a terzi operatori economici che hanno provveduto a utilizzarlo in compensazione dei tributi dovuti. Pertanto, per garantire il recupero delle somme indebitamente percepite, il G.I.P. del Tribunale alla sede, su richiesta della Procura vallese, ha quindi disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca diretta e/o per equivalente per un ammontare complessivo di oltre 8 milioni di euro.

L’attività eseguita testimonia il costante impegno profuso, da Procura e Fiamme Gialle vallesi, a contrasto delle frodi all’I.V.A. ed a tutela degli imprenditori onesti. Si specifica che il provvedimento dell’Autorità Giudiziaria e stato eseguito nell’attuale fase delle indagini preliminari ed è basato su imputazioni provvisorie, che dovranno comunque trovare riscontro in dibattimento e nei successivi gradi di giudizio. La responsabilità penale degli indagati sarà accertata, solo all’esito del giudizio con sentenza penale irrevocabile.

About Author