30 Maggio 2024

VIOLENZA SESSUALE PER IL PRIMARIO DEL RUGGI SI APRONO LE PORTA DEL CARCERE

 IL DOTTOR MATTIA CARBONE AVEVA ABUSATO DI UNA PAZIENTE DURANTE UNA VISITA

Violenza sessuale su una paziente durante una visita. In carcere Mattia Carbone, originario di Battipaglia e già primario facente funzioni di Radiologia dell’ospedale “Ruggi” di Salerno, interdetto dal servizio, di recente, a seguito di un altro rinvio a giudizio per un caso analogo.

La Cassazione, infatti, ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dai legali difensori del radiologo, già condannato in primo grado e in Appello, nel settembre del 2022, a 3 anni di reclusione con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, nonché alla sospensione dalla professione per 36 mesi (misura annullata dal Riesame) ed al pagamento di una provvisionale alla parte offesa di 10mila euro.

I giudici della Suprema Corte hanno condannato Carbone (nella foto) anche al pagamento di 3mila euro per le spese di giudizio e al ristoro di quelle sostenute dalla difesa della vittima per il ricorso, disponendo la trasmissione immediata della sentenza immediatamente esecutiva al manager del “Ruggi” per i provvedimenti professionali del caso e al Tribunale civile per la successiva quantifica e risarcimento dei danni in favore della parte offesa. Condannato con sentenza definitiva e irrevocabile, trattandosi di un reato ostativo, per l’ex primario si sono aperte le porte del carcere, dove dovrà scontare 3 anni non essendo prevista alcuna pena alternativa. Su consiglio dei suoi avvocati, Franco Coppi e Valerio Spigarelli, ieri sera ha raggiunto spontaneamente la casa circondariale di Vallo della Lucania.

Dunque, Carbone affronterà il prossimo processo da detenuto per la medesima accusa, stavolta rivoltagli da una donna, madre e paziente di Capaccio Paestum, che avrebbe da lui subito abusi sessuali durante una visita di controllo fissata dal radiologo, alle 20 di sera, in un ambulatorio del presidio ospedaliero pubblico salernitano, tra l’altro appena due mesi dopo le molestie subite dall’altra vittima: il gip Francesco Guerra del Tribunale di Salerno, infatti, ha disposto il processo a carico del 52enne, con la prima udienza in programma il prossimo 13 settembre.

About Author