17 Giugno 2024

CAPACCIO PAESTUM,LA PROVOCAZIONE DI FORZA ITALIA: “SIAMO IN ATTESA DI QUERELE.TOGLIETE IL DISTURBO”

QUESTO IL COMUNICATO STAMPA DI FORZA ITALIA CAPACCIO PAESTUM

                 TOGLIETE IL DISTURBO

Scusate il ritardo, ma siamo ancora in attesa della querela di Palumbo all’ON. Gigi CASCIELLO. Non appena ne conosceremo gli estremi, sarà nostra cura tenervene informati. Un ALTO DIRIGENTE COMUNALE e la CONSIGLIERA Nellina MONTECHIARO la volgonoo in scherzo sul LIN-ORA VILLAGE e sui pericoli che possono venire dal mare: evidentemente non hanno ancora letto IL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE, promulgato il 20 SETTEMBRE 2016 e recante le firme del dott. ITALO VOZA (SINDACO DELLA ex CITTÀ DI CAPACCIO PAESTUM), del Geom. Mario Barlotti (R.U.P.) e dell’ing. Ernesto MAURO progettista. Questo piano È COSA OLTRE MODO SERIA. NON È UNA BARZELLETTA… La Regione l’ha finanziato con 60.000 euro nell’ambito “POR CAMPANIA FERS mis. 1.6” e sul frontespizio reca i loghi dell’Unione EUROPEA , della REPUBBLICA ITALIANA, della Regione Campania e del FERS. Vi vengono elencati i rischi che corre il nostro territorio e le misure atte a prevenirli. Se il Dirigente e la CONSIGLIERA hanno l’amabilità di prendere in mano il fascicolo R-2, vi leggeranno da pag. 30 a pag. 41 i pericoli che possono venire dal mare. Un’onda di mezzo metro d’altezza, anomala o da semplice mareggiata, è in grado di invadere la spiaggia e la duna. NON DI COLPIRE CONTRADE E COSTRUZIONI RETROSTANTI, come insinuano allo scopo di rendere il tutto ridicolo i SUNNOMINATI PUBBLICI UFFICIALI. La zona più esposta è la LINORA, proprio dove Palumbo e LA SUA ALLEGRA BRIGATA hanno deciso di costruire il LIN-ORA VILLAGE, dimenticando (a noi così pare) le indicazioni del piano. A dire il vero, non solo ai FANS di Palumbo, ma anche a noi, suona strano che un SINDACO come ITALO VOZA (notoriamente appartenente al gruppo degli amministratori che non sanno fare la “O COL BICCHIERE “) abbia portato in dono al nostro Comune UN PIANO DI COSI GEANDE IMPORTANZA. Mentre Palumbo che LA O COL BICCHIERE LA SA FARE FIN DA BAMBINO e, da un pò di tempo ci riesce anche SENZA IL BICCHIERE, il piano lo stravolge o non l’ha letto neppure. Passi per il piano…..ma il “GRANDE TIMONIERE” CHE TUTTO SA E A CUI NULLA SFUGGE, NON SI RICORDA DELLE TERRIBILI MAREGGIATE che lo scorso Febbraio hanno flagellato il litorale del nostro Comune, con impatto devastante soprattutto a LINORA? E che è stata proprio l’amministrazione Palumbo a dichiarare, sempre lo scorso Febbraio, lo stato di calamità naturale? Con tutti questi chiari di luna, chi ha consigliato a Palumbo e alla sua Amministrazione di tenere gli spettacoli proprio in quella zona? Perché VI SIETE OSTINATI A NON TENERLI A CAPACCIO SCALO E A CAPACCIO CAPOLUOGO , in modo da aiutarvi le attività commerciali e turistiche? E come mai avendo proprio voi dichiarato lo stato di calamità naturale avete INTASATO le nostre spiagge con nuove concessioni UBICATE “ADDO’ COGLIE COGLIE” aumentandone i pericoli e CREANDO CONCORRENZA SLEALE nei confronti degli operatori storici già in difficoltà per via della crisi e, infine togliendo IL SACROSANTO DIRITTO AL POPOLO DI FRUIRE di libere spiagge???

NON VI VERGOGNATE? PERCHÉ NON TOGLIETE IL DISTURBO?

Fabio SCARIATI Coordinatore Forza Italia CAPACCIO PAESTUM

About Author