DARIO VASSALLO DIVENTA UN GRILLINO PER OTTENERE UNA  CANDIDATURA E SARA’ MISERAMENE BOCCIATO DALL’ELETTORATO, HA GETTATO LA MASCHERA

Al peggio non c’è mai fine. Dario Vassallo fratello del sindaco Angelo Vassallo barbaramente assassinato da persone senza scrupoli ai quali la magistratura, con lentezza, sta risalendo finalmente, si è candidato nel movimento 5 stelle, movimento ora partito fondato da Beppe Grillo condannato con sentenza passata in giudicato per omicidio colposo in appello il 14 marzo 1985. Grillo fu condannato per omicidio colposo, dovuto a incidente stradale, a quattordici mesi di reclusione con il beneficio della condizionale e della non iscrizione. La condanna fu resa definitiva dalla IV sezione penale della Corte suprema di cassazione l’8 aprile 1988. I fatti però ebbero un epilogo e una piega ancora più drammatica e colpevole per il disastroso fondatore del movimento 5 stelle definito a tutti i livelli il movimento truffa che ha ingannato gli elettori predicando bene e razzolando male, venendo meno a tutti comportamenti sbandierati durante la propaganda. La figlia dei coniugi uccisi da Beppe Grillo ha chiesto il carcere per l’ex comico (ha fallito anche in quello)Beppe Grillo a più riprese (leggi qua). Dario Vassallo che giustamente chiede giustizia per la morte del fratello da 12 anni è noto come uno che vuole arrivare al parlamento e da tempo attacca, a questo punto ci sembra in maniera pretestuosa, il partito democratico e i suoi rappresentanti in zona su tutti Franco Alfieri e l’ex sindaco di Agropoli Adamo Coppola. Dario Vassallo in questi anni ha anche buttato fango su Alfieri facendo addirittura capire che dietro l’omicidio del fratello ci fossero chissà quale trame cosa supportata da una trasmissione che vive sulle fake news Report. Dario Vassallo per mania di grandezza, per troppo egocentrismo, oltre a fare il medico si mette a fare il pm, il giornalista, l’editorialista, lo scrittore, il segretario di partito, il giudice e ora il politico. Nessuno ha mai impedito ad Angelo Vassallo di fare politica, nessuno lo ha ostacolato. Angelo Vassallo ha ottenuto successi, prestigio, gloria perchè era bravo e impedimenti non ce ne sono stati. Dario Vassallo usi altri argomenti, guardi con serietà alle inchieste della magistratura che sta gettando il cuore oltre ogni ostacolo per individuare i responsabili della morte del povero Angelo, martire e vittima sull’asfalto quella sera del 5 settembre del 2010 e vittima anche delle ambizioni di chi vuole fare politica usando il suo nome. Qui viene fuori la coscienza, ma chi ne ha una di coscienza. L’azione di Dario Vassallo, ci sembra, più destabilizzante che di aiuto per la ricerca della verità. Sarà un impressione la nostra. Ma quando si sapranno i nomi degli assassini, forse, in molti devono appendere le ambizioni al chiodo perchè non ci sarà più la pezza di appoggio per campagne politiche e altro.

Dario Vassallo in politica candidato lo dicemmo 5-6-7 anni fa ma non ci voleva molto per capirlo, non scoprivamo l’acqua calda, era letto. Lui voleva essere candidato nel partito democratico e ha fatto la guerra al leader più prestigioso del Pd Franco Alfieri inveendo contro l’attuale sindaco di Capaccio Paestum a testa bassa, utilizzando, ed è questo che fa più male, la morte del fratello, un martire, un sindaco serio e perbene ingiustamente assassinato da delinquenti che stanno per essere assicurati alla giustizia. La magistratura, e ancor prima le iene, lo hanno letteralmente sbugiardato, gli hanno tolto l’argomento, gli hanno cancellato il suo cavallo di battaglia ed è finito nel partito degli inutili grillini, dei bugiardi, delle fake news, dei disperati tanto è vero che a votarlo sono rimasti solo i precettori del reddito di cittadinanza. Che brutta fine Dario Vassallo candidato nel partito truffa di Giuseppe Conte, il partito che con i suoi interpreti più schifosi (Beppe Grillo, Di Maio, Bonafede, Toninelli, Spadafora, Taverna, Fico, Raggi, Patuanelli, Di Stefano e tanti altri truffaldini politici) ha preso in giro l’Italia spappolatosi miseramente per le poltrone. Dario Vassallo che ha fatto della morale la sua bandiera si candida nel partito fondato da un omicida nel quale ci sono e ci sono stati personaggi che la morale se la sono messa sotto i piedi. Dario Vassallo ha sbattuto i piedi per terra come un bambino per ottenere le candidature mai avute e la sua presenza al collegio uninominale del Cilento nei 5 stelle ,i peggiori, ne è la dimostrazione. Fra l’altro perderà miseramente e farà un buco nell’acqua. Tanti anni di fango sul pd e su Alfieri per ambizioni personali sono un conto salato da pagare per Dario Vassallo. Macchiavellicamente ha usato tutti i sistemi possibili passando sulla dignità di persone innocenti, senza pietà. Ha cercato nel pd, ad Agropoli e alla provincia i colpevoli della morte del fratello e ora che la giustizia ha individuato i responsabili si va a candidare nel partito fondato da un omicida. Si è reso conto Dario Vassallo di questa cosa? O pensa di farla passare in cavalleria. L’immorale Beppe Grillo omicida condannato è il fondatore del partito dove si è candidato Dario Vassallo il fratello di Angelo il nostro martire al quale il nostro ricordo struggente è presente ogni ora da quando è successo il fatto. Se vogliamo dirla poi tutta, è anche il partito di Conte colui che ha sulla coscienza migliaia e migliaia di morti per covid con le sue decisioni sbagliate innanzitutto quella di riaprire le scuole nell’ottobre del 2020 quando il virus stava dando una tregua (basta vedere i numeri e possiamo dimostrarlo) tranna poi fare strage per colpa delel aperture delle scuole. Dario Vassallo come ha potuto fare questo? Come ha potuto firmare una candidatura in un partito di immorali, di delinquenti e di prestigiatori, di poltronisti fondato sulle fake news. Una brutta fine quella politica di Dario Vassallo, il povero Angelo si rivolta nella tomba e noi gli diciamo: Angelo abbi pietà di loro perchè non sanno quello che fanno. Sergio Vessicchio

Di admin

Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js