22 Febbraio 2024

DOMENICA IL DERBY DEL CILENTO AD ALTA QUOTA, GELBISON CAPOLISTA POLISPORTIVA SANTA MARIA A RIDOSSO

E’ forse il punto più alto del calcio cilentano. Due sorelle, ben organizzate e con grandi prospettive si affronteranno all’interno di una classifica che vede la Gelbison super capolista del girone i della serie d la polisportiva Santa Maria a ridosso delle prime ma con tre partite in meno, ipoteticamente bei primissimi piani della graduatoria. Due modelli invidiabili di fare calcio. Due presidenti manager Tavassi e Puglisi. Due ds giovanissimi ma esperti e cresciuti nel calcio, Amodio figlio d’arte, il papà giocatore del Napoli per lungo tempo e oggi plenipotenziario della Juve Stabia e Pascuccio giocatore di prestigio con una carriera importantissima tra i professionisti prima e poi tra i dilettanti. Un grande personaggio come Alberigo Guariglia, vero, schietto, sincero e simpatico ma soprattutto onesto è forse la sintesi di questo primato di Castellabate e Vallo della Lucania.

Due cittadine Vallo della Lucania e Castellabate con la serietà della pulizia intellettuale e la passione antica, tutti uniti e compatti con rispetto per le scelte societarie e dirigenziali e soprattutto per chi mette mano al portafoglio. Domenica si affronteranno guardandosi negli occhi, la passione, la voglia, la serietà dei due progetti si confronteranno in un Cilento che con fierezze li guarda. Sono due modelli, due modi eccellenti di fare calcio, due similitudini. E queste due realtà oggi si sono presa la scena con merito, profitto, lavoro e rispetto dei ruoli. I novanta minuti sono solo la punta dell’iceberg di un lavoro appassionato, senza sbavature, costruito sulla serietà. Domenica si gioca il vero derby, il derby della serietà, del rispetto per i ruoli, della buona organizzazione, del calcio inteso come perfezione. Poi è anche il derby del Cilento perchè Vallo della Lucania e Castellabate sono all’interno di un perimetro comune appunto chiamato Cilento, è anche il derby del parco nazionale. Bisogna guardare a questa partita non per sapere il risultato ma per prendere atto della crescita e dell’esempio che queste due società danno. Da Capaccio a Sapri passando per Agropoli e arrivando a Sala Consilina guardino a questa gara con ammirazione. Capaccio Paestum , Sapri e Sala Consilina nonostante grandi tradizioni sono vuote e non fanno calcio se non con squadre minori, la sola Calpazio tiene la bandiera alzata. Ad Agropoli il tridente di lusso Infante- Striano- Schiavo sta cercando di rimettere in carreggiata l’Agropoli ma sta trovando impedimenti e grandi difficoltà nel portare avanti i propri progetti e si spera non gettino la spugna anche se le avvisaglie già ci sono. L’incrostazione nefasta ad Agropoli purtroppo impedisce ogni discorso. Polisportiva Santa Maria- Gelbison può cominciare e sarà un inno al calcio serio, quello di cui vorremmo sempre parlare. Sergio Vessicchio

About Author